domenica 4 gennaio 2015

IL PETRARCA INIZIA BENE IL 2015: IMA LAZIO SCONFITTA IN CASA

Impennata di orgoglio della squadra di Moretti e Salvan,che vince anche contro la sfortuna.
Fa rumore l’assenza della dirigenza.
Alla partenza da Padova, il gesto coraggioso di Rocco Salvan salva la vita ad una ragazza brasiliana.


Nella prima gara del 2015 il Petrarca ritrova l’impennata d’orgoglio e porta a casa una vittoria in trasferta, ai danni della Ima Lazio battuta 11-6.
Una partita non bella, con tanti errori da ambo le parti, ma con la squadra di Moretti e Salvan capace di sfruttare l’unica vera azione degna di nota della giornata: la meta di Woodhouse, al 34’ del primo tempo, che per un attimo ha fatto rivedere il gioco veloce e incisivo del Petrarca dei tempi migliori.
Vincono anche contro la sfortuna i bianconeri che, in allenamento lunedì scorso perdevano anche Jeremy Su’à: per lui sospetta frattura al malleolo.
Decisamente più che buono l'esordio in gara di Alberto Benettin (all’apertura) e Riccardo Michieletto (in seconda linea), entrambi al rientro dopo una lunghissima sosta e rimasti in campo per tutti gli 80 minuti.
Ma è stata la forza di volontà del gruppo a determinare il successo del Petrarca, a significare che, per ora, ancora nulla è perduto e ciò che sembra impossibile, forse non lo è.

Un'azione di gioco nello scatto di Pino Fama
(Ufficio Stampa Lazio)
Spiace non aver visto a Roma nessuno della dirigenza del Petrarca, mentre al seguito della squadra c’erano alcuni tifosi padovani. Un brutto segno, che contrasta e stride con il successo odierno della squadra.  
In stazione, alla partenza da Padova, il coraggioso gesto di Rocco Salvan che, al sopraggiungere del treno, con fredda lucidità e prontezza di riflessi, non ha esitato a portare in salvo, trascinandola nel binario opposto, una ragazza brasiliana nel tragico tentativo di suicidarsi. Un gesto istintivo e fulmineo per l’allenatore del Petrarca (che di professione è poliziotto), ma che poteva costargli veramente caro, se solo non avesse calcolato i tempi, tanto il treno in arrivo era così vicino. Un’azione talmente rapida che la maggior parte delle persone presenti sulla banchina, me compreso, manco si è accorta del fatto, immortalato però dalle telecamere di sicurezza. Arrivati a Roma la notizia ci aveva già preceduto e, dopo la partita, sono state innumerevoli le telefonate a Rocco dalle varie testate giornalistiche. Tuttavia, la chiamata più gradita, quella del Comandante della Polizia, che si congratulava per l’eroico gesto.

Rocco Salvan, al telefono con i giornalisti delle testate nazionali: il suo gesto eroico 
ha salvato la vita ad una ragazza
(ph Enrico Daniele)
La cronaca del match, come detto, non ha riservato molte emozioni. La maggior parte del gioco si è sviluppato nella parte centrale del campo, con entrambe le squadre che hanno provato invano a guadagnare la linea del vantaggio.
Passano per primi i padroni di casa, che nella prima frazione di gioco hanno avuto più possesso palla. E’ l’apertura sudafricana Durandt Gerber a doppiare dalla piazzola al 5’ e all’8’, per il 6-0 parziale.
La replica del Petrarca arriva al 25’ dal piede di Fadalti, che dimezza lo svantaggio calciando tra i pali una punizione comminata da Rizzo per un placcaggio non rilasciato su Favaro, dentro i 22 della Lazio: 6-3.
Al 34’ l’azione che porterà in meta Woodhouse, parte dalla metà campo. E’ Innocenti che trova uno spunto per saltare l’avversario e dare la palla al centro australiano. La sua diagonale lo portava dritto sulla bandierina di destra, eludendo un paio di tentativi di placcaggio. Calcio piazzato per i bianconeri. Fadalti, da posizione molto angolata, non riusciva a trasformare, ma il Petrarca passava avanti nel punteggio: 8-6. Prima dello scadere, il Petrarca potrebbe allungare, ma stavolta Fadalti è sfortunato (centra il palo) da un piazzato sulla linea dei 22, leggermente spostato sulla sinistra.
Chiusa la prima frazione di gioco con un (inesistente) cartellino giallo a Luca Nostran, scontratosi in volo con l’avversario, la ripresa si apre con il Petrarca arrembante nella metà campo avversaria.
Solo qualche minuto, però, ed ancora cartellini gialli: stavolta tocca a Leso e Pietrosanti, giudicati entrambi fallosi in mischia chiusa. Fadalti, da poco meno di metà campo, calcia con la giusta direzione, ma il pallone è troppo corto. Nulla di fatto.
Al 12’, dalla piazzola, anche Gerber fallisce un calcio: il pallone colpisce l’incrocio dei pali.
Un gioco concitato e piuttosto confuso, caratterizza buona parte del secondo tempo. Il Petrarca è superiore per possesso e territorialità, abile nelle rimesse laterali (in ascensore bene sia Rocchia che Michieletto). Gioca anche 14-15 fasi senza tuttavia riuscire a bucare la difesa di casa.
Al 29’ Fadalti ha sul piede tre punti, che non si lascia sfuggire: il suo calcio, abbastanza centrale e in prossimità dei 22, va dentro per l’11-6.
Il Petrarca potrebbe chiudere il match a dieci minuti dalla fine, quando prima Riedi e poi Pepoli vengono rispediti nella panca puniti dal sig. Rizzo.
Tuttavia, in doppia superiorità numerica, il Petrarca sembra andare in affanno, concedendo terreno all’avversario che però non muoverà il tabellino sino alla fine del match.
Il triplice fischio del direttore di gara chiude la gara ancora con il Petrarca ancora nei 22 avversari.
Vittoria, 4 punti in classifica, e morale risollevato, in attesa delle tre partite di domenica che chiuderanno l’ottava giornata.
Si torna a casa con la sensazione che le cose possano andare bene anche il 10 gennaio, quando a Padova salirà L’Aquila in attesa (dopo la doppia pausa per le coppe) del 154° Derby d’Italia contro Rovigo, a fine mese.
Nell’altro anticipo di giornata, facile vittoria di Viadana contro I Cavalieri Prato 46-0.
Il tabellino del match.
IMA LAZIO RUGBY 1927  - PETRARCA RUGBY 06 -11  (6-8)
Marcatori: pt. 5' c.p. Gerber, 8' c.p. Gerber, 27' c.p. Fadalti, 34' meta Woodhouse; st. 29' c.p. Fadalti.
IMA Lazio Rugby: Sepe (64' Nathan), Di Giulio, Lamaro, Vatubua (61'  Bruni), Iacolucci, Gerber, Bonavolontà, Padrò, Riccioli(cap)(61' Ventricelli), Filippucci, Devodier (76' Riedi), Damiani, Pietrosanti (68' Pepoli), Daniele (66' Lupetti), Vannozzi (44' Vagnoni). All. De Angelis-Mazzi
Petrarca Rugby: Menniti Ippolito (68' Capraro), Innocenti, Favaro, Woodhouse, Fadalti, Benettin, Francescato, Giusti, Nostran, Conforti, Rocchia, Michieletto, Leso (71'Garfagnoli), Delfino (20' Bigi), Zani (69' Vento). All. Moretti.
Arbitro: signor Elia Rizzo di Ferrara.
Cartellini gialli: 39' Nostran, 43' Leso e Pietrosanti, 74' Riedi e Pepoli.
Note: campo in ottime condizioni, spettatori 500 circa.
Man of the match: Damiani (IMA Lazio Rugby).
Punti conquistati: IMA Lazio 1, Petrarca Rugby 4.

Enrico DANIELE