domenica 12 febbraio 2017

SERIE A POOL PROMOZIONE GIRONE 1: I MEDICEI VITTORIOSI CONTRO L’AQUILA 23-18

Buona partita tra due squadre molto equilibrate.


In ritardo, rispetto all’altro girone, causa il maltempo che ha flagellato il centro Italia, si è disputato oggi il primo turno del girone 1 della Pool Promozione di serie A di rugby.
Successi esterni dell’Accademia Ivan Francescato che a Roma fa bottino pieno contro la Primavera Rugby, battuta 36-20 conquistando 5 punti, e della Pro Recco che espugna il difficile campo di Benevento, battendo L’Ottopagine 20-14.
Successo interno per I Medicei, nella gara clou della prima giornata, che al “Ruffino Stadium” hanno la meglio su un coriaceo L’Aquila Rugby Club, 23-18.

Partita molto equilibrata, giocata in una giornata primaverile davanti a circa 1.000 spettatori, dove la differenza è arrivata sostanzialmente da alcuni episodi.
Primo tempo caratterizzato da un gioco piuttosto veloce, con il piede di Dan Newton (Man Of The Match a fine gara) e quello di Massimo Di Marco che si alternano dalla piazzola per l’equilibrio dei primi minuti di gara (3-3).
Padroni di casa che rompono gli indugi al 18’: buona la ricezione alta di Cerioni su “up & under” di Santillo, palla smistata velocemente da Newton per Cosi che trova il varco per la meta. Lo stesso Newton trasforma per il 10-3.
Insiste il XV di Presutti e Martin sulla scia dell’entusiasmo per la meta, tuttavia fanno buona guardia i neroverdi di Troiani e Rotilio, precisi nei punti d’incontro e nelle riproposizioni in attacco.

Al 27’ L’Aquila arriva ad un passo dalla meta: buona l’azione di Palmisano sull’out di sinistra, fermata da Vivarini per un “in avanti” dell’estremo aquilano.
Il primo tempo si chiude ancora con l’alternarsi dalla piazzola di Newton e Di Marco che fissano il risultato sul 13-6 a favore dei padroni di casa, apparsi però in leggera sofferenza, specie nelle ultime battute.
Alla ripresa è ancora il piede di Newton ad allargare la forbice: l’apertura gallese mette tra i pali una punizione da circa 40 metri (16-6) ma L’Aquila, pur concedendo qualche fallo in più e sempre chiusa nella propria metà campo, è comunque attenta e sfrutta la prima svista dei toscani.

E’ Rettagliata a trovare il break tra la difesa allargata dei I Medicei nell’unica azione in campo avversario, dopo che la giocata di Vaschi e Basha aveva messo in difficoltà lo sbarramento mediceo a metà campo. Il tallonatore si produce in una galoppata che lo porta in meta sulla bandierina di sinistra. Di Marco non trasforma, ma abruzzesi ancora in partita: 16-11.
Presutti aggiusta la mischia con forze fresche e invita i suoi ad una maggior determinazione. L’Aquila è fallosa, ma Newton spreca due occasioni dalla piazzola e I Medicei devono fare i conti con una rimessa laterale piuttosto imprecisa, salvo al 23’ quando Boccardo ne ruba una agli avversari. L’ovale passa velocemente dalla sinistra alla destra del campo dove l’ex rossoblù rodigino Matteo Lubian elude tutta la difesa ospite, aggirandola sino a posare l’ovale quasi in prossimità del palo di destra. Una formalità la trasformazione di Newton per il massimo vantaggio dei toscani, 23-11.

Passa qualche minuto e il giallo a Cemicetti (placcaggio pericoloso) mette la carica agli ospiti che fiutano la possibilità di fare punti preziosi, che però arrivano solo nelle battute finali.
C’è un po’ di confusione nella metà campo dei padroni di casa messi sotto pressione dagli ospiti. Lubian non riesce a chiudere un placcaggio su Giorgini che riesce a sfuggire al controllo e a posare in meta l’ovale a lato del palo di sinistra. Di Marco trasforma per il 23-18, dopodiché non ci sarà più il tempo per gli aquilani per completare la rimonta, perché I Medicei mettono in cassaforte il pallone, giocando gli ultimi 4 minuti col possesso palla. 

Pasquale Presutti, head coach I Medicei
Soddisfatto Presutti a fine gara che tuttavia riconosce i meriti di un avversario mai domo e più performante nelle rimesse laterali, nota dolente oggi per I Medicei. Anche il direttore tecnico aquilano, Vincenzo Troiani, elogia i suoi per la determinazione con la quale hanno affrontato uno dei club più titolati per il passaggio alla categoria superiore.
In classifica generale I Medicei sono in seconda posizione (4 pt) pari merito con la Pro Recco, dietro l’Accademia (5 pt), davanti a L’Aquila e Ottopagine (1 pt). Ultima la Primavera Rugby (0 pt).




Il tabellino del match.
Firenze, Ruffino Stadium “Mario Lodigiani” – Domenica 12 gennaio 2017
Toscana Aeroporti I Medicei v L'Aquila Rugby Club 23-18 (4-1)

Marcatori: p.t. 13' cp Newton (3-0), 16' cp Di Marco (3-3), 18' m Cosi tr. Newton (10-3), 36' cp Di Marco (10-6), 39' cp Newton (13-6); s.t. 10' cp Newton (16-6), 13' m. Rettagliata (16-11), 24' m. Lubian tr. Newtown (23-11), 37' m. Giorgini tr. Di Marco (23-18).

Toscana Aeroporti I Medicei: Santillo; Lubian, Rodwell, Cerioni, Morsellino; Newton, Apperley; Boccardo, Meyer (78’ Bottacci), Cosi; Ippolito (55' Cemicetti), Maran; Battisti (78' Zileri), Broglia, Furia (55' Cesareo).
A disposizione non entrati: Fanelli, Elegi, Cocchi, Reale.
All. Presutti / Martin.

L'Aquila Rugby Club: Palmisano (78' Cozzi); Caiazzo, Erbolini, Angelini, Giorgini; Di Marco, Speranza (50' Carnicelli); Basha, Canulli (46' Cerasoli), Gentile; Vaschi, Cialone; Montivero (70' Barducci, Rettagliata (70' Fusco), Schiavon (70' Rossi).
A disposizione non entrati: Grassi, Antonelli.
All. Troiani / Rotilio

Arb. Vivarini (Padova)

Cartellini: 70' giallo Cemicetti (I Medicei)
Calciatori: Newton (I Medicei) 5/7, Di Marco (L’Aquila) 3/4
Note: pomeriggio di sole con circa 17 gradi. Campo in buone condizioni. Circa 1.000 spettatori presenti
Punti conquistati in classifica: Toscana Aeroporti I Medicei 4; L’Aquila Rugby 1.

Man of the match: Newton (I Medicei)

Nell’altro girone, comandano la classifica il Valsugana e Colorno (5 pt) seguiti dal Verona (4 pt), Udine 1 pt. Chiudono Brescia e Tarvisium (0 pt).
      

Enrico DANIELE