mercoledì 26 aprile 2017

ECCELLENZA: SFIDA A DUE PER I PLAY OFF?

Sabato l’epilogo della stagione regolare
Viadana e Fiamme Oro si giocano il quarto posto ma nella corsa potrebbe e rientrare anche San Donà

La questione FIR vs San Donà per la gara persa contro Reggio non è ancora finita
(ph Daniel Cau)
Sabato si gioca l’ultima giornata della stagione regolare del campionato d’Eccellenza.
La classifica è già ben definita per le prime tre posizioni: Calvisano, Petrarca e Rovigo sono le sicure semifinaliste e, comunque vada sabato, l’ordine non potrà cambiare, così come Piacenza è già matematicamente retrocessa in Serie A.

Appena dietro le tre semifinaliste stanno Viadana e Fiamme Oro: le due squadre si giocano il quarto posto con i mantovani avvantaggiati di tre punti rispetto ai cremisi. Entrambe giocheranno in casa contro due venete, Rovigo e Mogliano che non hanno più nulla da dire in termini di classifica.
Tuttavia, i giochi non sembrano finire qui.

Infatti, tra i due potrebbe ritornare in corsa anche San Donà.
La nota vicenda “Petrozzi”, che ha visto penalizzato il club veneziano tagliandolo fuori dalla corsa per le semifinali, non sembra per nulla chiusa. Anzi, il presidente Marusso ha rilasciato alla stampa dichiarazioni che tutto lasciano intendere, fuorché una resa incondizionata di San Donà.

Aldilà del silenzio della FIR dopo la sentenza del Collegio di Garanzia del Coni, che la dice lunga su come sia stata gestita tutta la vicenda, Marusso intende percorrere due strade

La prima attraverso il ricorso al tribunale civile per una richiesta danni “…da indirizzare alle figure che nella filiera dei tesseramenti abbiano coscientemente o meno omesso di fare il proprio lavoro come andava fatto” spiega il presidente, consapevole che contestare la giustizia federale potrebbe portargli conseguenze pesanti, come prevede la norma. “Certi valori qui dalle nostre parti vengono ancora prima di qualunque altra valutazione, studieremo bene il da farsi ma se del caso, non ci tireremo indietro” dichiara risoluto.

L’altra strada è già stata intrapresa, chiedendo la restituzione dei 4 punti di penalizzazione (non la vittoria) che, sempre secondo Marusso, sono stati impropriamente addebitati “…perché qui nessuno ha barato e la sanzione di otto punti è di fatto spropositata”.

Un ulteriore risvolto ad una vicenda che, se venisse accettata in tempo utile la richiesta di San Donà, potrebbe ulteriormente impantanarsi in una serie di ricorsi da parte di Viadana e Fiamme Oro qualora si sentissero a loro volta penalizzate dal ricorso dei veneti.

Un pastone difficile da digerire in tempi brevi che, oltre a falsare le fasi finali del campionato, getta ancora una volta discredito sull’operato dei competenti organi FIR che hanno generato l’incredibile vicenda che, comunque vada a finire, non accontenterà nessuno.


Enrico DANIELE