Pagine

lunedì 1 maggio 2017

IL PETRARCA ILLUDE MA HA LA TESTA ALTROVE

Sconfitta nell’ultima gara della regular season contro un Calvisano che non si discute anche con una formazione rimaneggiata, 16-26
In tribuna presente lo staff della Nazionale Maggiore con Conor O’ Shea, Giampiero De Carli e Giovanni Sanguin.
Massimo Brunello: Calvisano favorito, ma ai play off tutto può succedere.

Il Petrarca chiude con una sconfitta la regular season contro il Patarò Calvisano.
La testa dei bianconeri era già alle semifinali contro Rovigo.
(ph Corrado Villarà)
Il Petrarca chiude la stagione regolare al “Memo Geremia” con una sconfitta contro il Patarò Calvisano, 16-26.

Nonostante i proclami alla vigilia del tecnico Andrea Cavinato, che aveva dichiarato di voler giocare una partita vera, anche se il risultato sarebbe stato comunque ininfluente per entrambe ai fini della classifica, il Petrarca si perde per strada quasi subito.

E’ chiara l’intenzione del XV bianconero di portare a casa il risultato, ma dopo l’iniziale vantaggio di 9-0 ottenuto dai calci precisi di Menniti-Ippolito, capitano di giornata, il Petrarca perde il bandolo della matassa.
Il pallino del gioco passa presto agli ospiti arrivati alla Guizza molto più rilassati e con una formazione ampiamente rimaneggiata, ai quali sembra non interessare il risultato in sé e per sé, ma il bel gioco che li porta a vincere con la consueta autorità.

Gli uomini di Massimo Brunello marcano infatti due mete nel primo tempo (30’ Paz, 40’ Giammarioli, entrambe trasformate da Dal Zilio) e due nel secondo (60’ Lucchin e 63’ Bruno tr Dal Zilio) lasciando ad un Petrarca in confusione la meta nel finale di Afualo, trasformata da Fadalti.

Il Patarò Calvisano non si discute e anche sabato ne ha dato conferma. Un forte segnale per le imminenti semifinali dove avrà di fronte nel doppio turno il Viadana di Filippo Frati che allo Zaffanella ha battuto nettamente la Femi CZ Rovigo 35-18, altra semifinalista piuttosto deludente in questo finale di stagione.

Per certi versi si assomigliano il Petrarca e la Femi CZ Rovigo di fronte nei play off per la quinta volta in questa stagione: i padovani, anche se dotati della miglior difesa e del miglior attacco, non hanno mai dimostrato con le squadre di vertice di avere quel carisma e quel piglio che intimorisce l’avversario.   

La Femi CZ Rovigo ha sofferto della “sindrome scudetto”, come il Petrarca nella stagione successiva alla conquista del suo 12 tricolore. Un campionato così così, giocato molto più sulla carta stampata che sul campo, anche in questo finale di stagione dove piuttosto di stringersi attorno ai bersaglieri, infuriano polemiche che non fanno certo bene in vista ai momenti topici.

A fine gara Andrea Cavinato non ha voluto rilasciare dichiarazioni, mentre Massimo Brunello ci concede gentilmente un’intervista. “Il match di oggi non può far testo, vista l’inutilità ai fini della classifica, ma sono comunque contento perché i miei ragazzi hanno ritrovato il morale dopo la brutta partita a Reggio. Abbiamo fatto bene in attacco e nelle fasi di recupero, ovviando alla brutta prestazione nella conquista - dichiara Brunello – Abbiamo giocato più rilassati rispetto al Petrarca e per noi conta molto in vista delle semifinali dove tutto si azzera”.
Di fronte Calvisano avrà Viadana: “Hanno una bella squadra, dare più di 30 a Rovigo non è facile e nei play off dovremo stare molto attenti, anche se guardando i risultati della stagione, il Calvisano è dato per favorito” risponde Brunello, che parla anche del suo contratto: “Il mio futuro per ora è a Calvisano, anche se lo discuteremo dopo la fine della stagione

In tribuna tutto lo staff della Nazionale, Conor O’ Shea in testa che, prima di scappare a Treviso per Benetton vs Munster, si sarà fatto un’idea sul materiale umano e sul gioco delle due contendenti.

Il tabellino del match e la classifica finale.

Padova, Stadio “Memo Geremia” – Sabato 29 aprile 2017
Eccellenza, XVIII giornata
Petrarca Rugby - Patarò Calvisano 16-26 (9–14)
Marcatori: p.t.: 1’ cp Menniti-Ippolito (3-0); 8’ cp Menniti-Ippolito (6-0); 22’ cp Menniti-Ippolito (9-0); 30’ m. Paz tr. Dal Zilio (9-7); 40’ m. Giammarioli tr. Dal Zilio (9-14); s.t.: 19’ m. Lucchin non tr. Dal Zilio (9-19); 22’ m. Bruno tr. Dal Zilio (9-26); 34’ m. Afualo tr. Fadalti (16-26)

Petrarca Rugby: Menniti-Ippolito (cap.); Fadalti, Ragusi (65’ Favaro), Bettin, Rossi (16’-24’ Capraro, 48’ Capraro); Benettin, Su’a (60’ Cortellazzo); Bernini (50’-58’ Morona, 70’ Morona), Trotta (41’ Afualo), Targa; Salvetti, Saccardo; Rossetto (70’ Scarsini), Ferraro (48’ Delfino), Scarsini (41’ Zago, 50’ Irving).
A disposizione non entrati: nessuno
Allenatore: Andrea Cavinato

Patarò Calvisano: Dal Zilio; Bruno, Paz (65’ De Santis), Lucchin, Susio (65’ Di Giulio); Novillo (61’ Chiesa), Consoli; Giammarioli, Archetti, Vezzoli (53’ Belardo); Zanetti, Cavalieri; Riccioni (32’ Costanzo), Giovanchelli (50’ Morelli), Panico (50’ Rimpelli).
A disposizione non entrati: 18 Andreotti
Allenatore: Massimo Brunello

Arbitro: Stefano Roscini (Milano)
AA1 Filippo Bertelli (Brescia), AA2 Nicola Franzoi (Venezia)
Quarto Uomo: Roberto Lazzarini (Rovigo)

Cartellini: 53’ giallo a Costanzo (Patarò Calvisano)
Calciatori: Menniti-Ippolito (Petrarca Rugby) cp 3/3; Fadalti (Petrarca Rugby) tr 1/1; Dal Zilio (Patarò Calvisano) tr 3/4
Note: campo in perfette condizioni, spettatori 1200
Punti conquistati in classifica: Petrarca Rugby 0; Patarò Calvisano 5
Man of the Match: Enrico Targa (Petrarca Rugby)



Enrico DANIELE