Il Boccaccio Rugby News cambia volto! La nuova versione del sito all'indirizzo www.boccacciorugbynews.it
Questa versione del blog rimarrà attiva ancora per qualche tempo

Il nuovo Boccaccio Rugby News

venerdì 23 dicembre 2016

FANNO FESTA CALVISANO, PETRARCA, VIADANA, ROVIGO E FIAMME ORO

Patarò Calvisano unica imbattuta, stravince a San Donà 17-59
Il Petrarca riscatta la delusione di coppa con una netta vittoria a Reggio Emilia 7-29
Viadana Rugby mette i leoni trevigiani in gabbia: battuto Mogliano 30-16
Il derby della Capitale va alle Fiamme Oro: Lazio sconfitta 20-13
Facile vittoria della Femi CZ Rovigo contro Piacenza 34-3


Con l’ultimo match appena concluso, vinto dalla Femi CZ Rovigo contro i Lyons Piacenza 34-3 davanti a circa 500 spettatori (record negativo quanto a presenze per il Battaglini) si chiude la sesta ed ultima giornata del 2016 ovale.
Il campionato riprenderà il 7 gennaio prossimo.
Con 5 mete i bersaglieri si sbarazzano facilmente dei Lyons in una gara senza storia dove la squadra di Joe Mc Donnell comanda dall’inizio alla fine (5 mete, 3 tr, 1 cp), lasciando agli ospiti solo un calcio piazzato. Fa sensazione leggere quel 500 alla voce “spettatori” sul tabellino del match, considerato che Rovigo è Campione d’Italia in carica e, attualmente, occupa un onorevole 3° posto in classifica generale (20 pt), a solo 3 lunghezze dal Petrarca.
Stupisce, invece, il risultato di San Donà, dove a scontrarsi erano due squadre sin qui imbattute in campionato. Il Patarò Calvisano vince (addirittura stravince) battendo la Lafert San Donà nettamente 59-17. Partita già virtualmente chiusa nella prima frazione di gara, con la squadra di Massimo Brunello avanti 33-10 grazie a 5 mete (4 tr da Novillo) e i locali in meta una sola volta con Wessels e Ambrosini che trasforma e mette un piazzato tra i pali. Nella ripresa è ancora Calvisano a violare per altre 4 volte l’area di meta di San Donà, lasciando ai veneziani la soddisfazione di marcare pesante una sola volta. Una battuta d’arresto improvvisa ed inattesa per la squadra di Zane Ansell, che sino ad ora aveva sempre vinto. Calvisano conferma il primato in classifica e può festeggiare Natale e Capodanno dall’alto dei 29 punti conquistati (1 solo punto perso per strada in 6 gare).
Anche i “cugini” di Viadana riescono a sconfiggere allo Zaffanella il Mogliano Rugby 30-16. Già in vantaggio 20-13 nel primo tempo, la squadra di Filippo Frati approfitta di qualche errore di troppo dei trevigiani nella seconda parte di gara e marca altri 10 punti lasciando agli avversari solo i 3 punti di un drop di Almela.
Viadana raggiunge così Mogliano in classifica (14 punti), scavalcandolo per la miglior differenza punti, attestandosi in zona play off al 4° posto.
Passo avanti anche delle Fiamme Oro che, dopo una serie di 4 preoccupanti sconfitte, vince il derby della Capitale, battendo la SS Lazio 20-13. Gara combattuta e sofferta per il XV della Polizia di Stato, messo alle corde più volte dalla Lazio. Tuttavia, la precisione al piede di Buscema (5/6) e una difesa più attenta, hanno fatto la differenza tra due squadre andate in meta una volta ciascuna (De Gaspari e Coronel). Le Fiamme Oro salgono al 6° posto in classifica (12 pt). La SS Lazio, con il punto di bonus difensivo, resta sempre ultima in classifica, ma aggancia i Lyons Piacenza a 6 punti.
Partita senza storia anche allo Stadio Mirabello di Reggio Emilia dove il Petrarca Rugby ha sconfitto la Conad Reggio 29-7.
Qualche nervosismo di troppo in mischia chiusa, poteva far pensare ad una gara difficile da gestire, ma l’esperto direttore di gara Stefano Penné ha saputo sopire i bollori dell’una e dell’altra parte, riuscendo a tenere il match sui giusti binari, non senza sventolare in faccia ben 5 cartellini gialli (Delfino, Nostran e Borean per il Petrarca e Dell’Acqua e Manghi per Reggio).
Gara mai in discussione, con i padroni di casa che nella prima frazione di gara hanno violato i 22 del Petrarca un paio di volte senza ferire. Al 2’ minuto di gioco l’unica possibilità dalla piazzola, non sfruttata da Gennari, poi è il Petrarca che detta le regole, con possesso palla e gestione completa del match.
Apre le marcature Nikora al 15’ con un piazzato centralissimo, sulla linea dei 22, concesso da Pennè per un fallo di Visagie (0-3). Due minuti più tardi, quando Reggio tentava di approdare una prima volta nei 22 del Petrarca, un’azione di rimessa propiziata da Andrea Bettin portava l’ala bianconera sin sotto i pali dell’acca rossonera. Era lo stesso Bettin a calciare l’ovale rasoterra, inseguito vanamente da Daupi, fino a schiacciarlo in meta. Una formalità la trasformazione di Nikora (0-10).
Al 23’ tocca a Francesco Favaro prendere la via della meta. L’azione è velocissima ed era partita da un intercetto sulla tre quarti campo del Petrarca, con Nostran che arrivava a pochi passi dalla meta, fermato in extremis in rimessa laterale nei pressi della bandierina di sinistra. Dagli sviluppi della touche la palla salta fulminea di mano in mano sino ad arrivare dalla parte opposta dove è ben piazzato Favaro che aveva seguito l’azione. Il centro del Petrarca (Man Of The Match a fine gara), ripercorre in senso inverso il tragitto dell’ovale, però dentro l’area di meta, calando il pallone proprio sotto la traversa. Altra formalità di Nikora e Petrarca che allunga: 0-17.
Al 29’ è ancora il pacchetto di mischia di Reggio a dover inchinarsi alla superiorità del pack bianconero. Dalla mischia ordinata sui 5 metri, vinta dal Petrarca, Afualo è lesto a sgusciare fuori dal raggruppamento con l’ovale in mano e ad infilarsi per schiacciare a fianco del palo di destra. Ancora una volta è agevole la trasformazione di Nikora per il 24-0.
Non compromette il risultato del primo tempo il giallo a Nostran, comminato da Penné al 31’ per un placcaggio ritenuto pericoloso, né squilibrano l’incontro quelli a Borean e a Manghi al 35’, per la seconda ed ultima azzuffatina della giornata.
Il Petrarca va al riposo con tre mete nel carniere, dopo aver nettamente dominato in mischia chiusa e nelle rimesse laterali (ottimo il lavoro di Trotta, Savetti e Saccardo).
Al rientro la squadra di casa si dimostra più aggressiva e prova a chiudere il Petrarca dentro i propri 22, alla ricerca della marcatura. Una difesa attenta e alcuni contropiedi, permettono alla squadra di Cavinato di evitare di subire punti. Anzi, la quarta marcatura arriva ancora da una mischia ordinata vinta dal Petrarca su introduzione di Reggio. Per Su’a è facile raccogliere l’ovale dal raggruppamento bianconero già a cavallo della linea di meta avversaria, e posarlo nei pressi della bandierina di destra. Nikora stavolta fallisce la trasformazione, angolatissima, ma il Petrarca è saldamente al comando 29-0.
La meta della bandiera per i padroni di casa arriva al 65’ ad opera di Silva, con il Petrarca a tirare il fiato, già pago del risultato. Gennari trasforma per i 7 punti di Reggio.
Da qui alla fine sarà ancora il Petrarca a tenere le redini del match, grazie anche agli innesti di forze fresche che hanno creato più di qualche grattacapo alla volonterosa squadra di casa.
Finisce 7-29 per il Petrarca che chiude il 2016 con la nona vittoria in dieci gare (tra campionato e torneo di qualificazione), mantenendo invariata la distanza in classifica dalla capolista Calvisano.
Il tabellino del match.
Reggio Emilia, stadio “Mirabello” – venerdì 23 dicembre 2016
Eccellenza, VI giornata
Conad Reggio vs Petrarca Rugby 7 - 29    (0-24)
Marcatori: p.t. 15’ cp. Nikora (0-3); 17’ m. Bettin tr. Nikora (0-10); 23’ m. Favaro tr. Nikora (0-17); 29’ m. Afualo tr. Nikora (0-24); s.t. 60’ m. Su’a (0-29), 65’ m. Silva tr. Gennari (7-29)
CONAD Reggio: Daguin; Orsenigo (35’-48’ Silvestri, 66’ Canali), Daupi, Silva (67’ Martani), Gennari (77’ Maghenzani); Farolini, Cazenave (cap); Devodier (20’ Mannato), Rimpelli (67’ Regestro), Dell’Acqua; Visagie, Du Preez; Fiume (48’ Bergonzini), Manghi, Quaranta (48’ Lanzano).
Allenatore: Roberto Manghi
Petrarca Rugby: Menniti-Ippolito; Capraro (35’- 48’ Zago), Favaro, Belluco (47’ Bacchin), Bettin; Nikora (cap) (66’ Ragusi), Su’a (66’ Francescato) Afualo (67’ Simonato), Nostran, Trotta; Salvetti (33’ Conforti), Saccardo; Irving (58’ Vannozzi), Delfino (58’ Ferraro), Borean (48’ Zago).
Allenatore: Andrea Cavinato
Arbitro: Stefano Penné (LO)
G.d.L.: Andrea Piardi (BS), Andrea Pretoriani (MI)
Quarto uomo: Francesco Russo (MI)
Cartellini: 13’ giallo a Dell’Acqua (Conad Reggio) e Delfino (Petrarca Rugby); 31’ giallo a Nostran (Petrarca Rugby); 35’ giallo a E. Manghi (Conad Reggio) e Borean (Petrarca Rugby).
Calciatori: Gennari (Conad Reggio) 0/1 cp, 1/1 tr;  Nikora  (Petrarca Rugby) 1/1 cp, 3/4 tr.
Note: giornata soleggiata, campo in buone condizioni. Spettatori: circa 2000
Punti conquistati in classifica: CONAD Reggio 0; Petrarca Rugby 5
Man of the match: Favaro Francesco (Petrarca Rugby)

La classifica aggiornata (in attesa del ricorso della Lafert San Donà per la gara del 4 dicembre scorso vinta a tavolino dalla Conad Reggio)




Enrico DANIELE