Per la stagione sportiva 2017-18 il Boccaccio Rugby News cerca collaboratori per ampliare l’offerta informativa con riferimento alle squadre del Petrarca Rugby – articolisti per Under 18 e Under 16, fotografi per Eccellenza, Serie A, Under 18 e Under 16 – inviare mail a boccacciorugbynews@gmail.com
PETRARCA ’70 di Giorgio Sbrocco, Alberto Zuccato e Elena Barbini - E’ disponibile il libro sulla storia del Petrarca – Chi volesse acquistarne una copia (Euro 35,00 + ev. spese di spedizione) può inviare mail a boccacciorugbynews@gmail.com

giovedì 21 marzo 2013

E’ FINITA LA CORSA TERRENA DI PIETRO MENNEA, LA FRECCIA DEL SUD


Primatista mondiale nei 200 fino al 1996, ed europeo tutt’ora imbattuto, amava ripetere: “La corsa non finisce mai”.
Il mio ricordo personale.

Pietro Mennea, oro a Mosca nel 1980.
Dietro di lui Allan Wells


Pietro Mennea, ex primatista mondiale nei 200 metri piani stabilito a Città del Messico nelle Universiadi del 1979, è morto a Roma, stamattina, sconfitto da un male incurabile.
Il mio ricordo personale non fu per quel record mondiale, bensì quando l’atleta di Barletta conquistò la medaglia olimpica a Mosca, il 28 Luglio del 1980.
Qualche giorno prima avevo disputato la finale del torneo notturno giovanile di calcio a San Carlo, nel quartiere Arcella. E’ stato il mio primo e anche ultimo torneo giovanile estivo perché, dopo qualche minuto dal fischio d’inizio di quella finale, mi strappai i legamenti crociati del ginocchio destro. Quella sera finì inesorabilmente la mia carriera di calciatore.
In ospedale pensarono bene di mettermi un gesso (una volta il gesso te lo mettevano sempre!) e quel 28 luglio, che era un lunedì, me ne stavo in divano nel soggiorno di casa, con la gamba alta, davanti al televisore, a guardarmi le olimpiadi di Mosca. Divennero famose perché furono boicottate dagli americani e da altri paesi, per l’invasione sovietica dell’Afghanistan.
Lo sport mi aveva sempre appassionato e l’atletica leggera era una delle mie passioni. Ricordo di aver atteso con ansia quella finale, assieme alla mia fidanzatina di allora che si cimentava nei 60 metri piani ed era stata campionessa del triveneto nella specialità.
Era stata una giornata molto calda e ricordo il fastidioso prurito che il gesso mi procurava.
Erano le 20 circa quando Paolo Rosi annunciò lo schieramento di partenza della finale dei 200 metri piani. Il campo dei partenti non presentava nomi altisonanti, a causa del boicottaggio, fatta eccezione per il giamaicano Quarrie (oro a Montreal) e per il britannico Allan Wells.
A Mennea era toccata l’ottava corsia, senz’altro la peggiore di tutte, e al suo fianco aveva Wells.
La sfortunata corsia e gli atleti in gara, non eccezionali, avevano reso particolarmente nervoso Mennea, che non aveva punti di riferimento. Infatti, dopo lo sparo dello starter, la partenza dell’azzurro non fu delle migliori. Arrivati alla curva Mennea era ancora molto indietro, ma sul rettilineo finale, con una progressione irresistibile, prima affiancò Wells e poi, sul filo di lana, lo superò battendolo per un pugno di centesimi. Un finale di gara travolgente, scandito dalla telecronaca di Rosi che ripeteva “…recupera…recupera…recupera…”.
Non potrò dimenticare la gioia di quei momenti.
Dopo di lui, mai nessun atleta italiano è riuscito a qualificarsi per una finale olimpica nella velocità.
Dopo aver appreso la notizia della sua scomparsa, stamattina mi sono commosso, ripensando a quell’estate che, purtroppo, determinò anche la fine della mia carriera di calciatore.
Mennea oggi ci ha lasciato, ma di lui ci resteranno le sue memorabili imprese.
La “Freccia del Sud” correrà per sempre lassù.
Per lui, “La corsa non finisce mai”.

Enrico DANIELE