Il Boccaccio Rugby News cambia volto! La nuova versione del sito all'indirizzo www.boccacciorugbynews.it
Questa versione del blog rimarrà attiva ancora per qualche tempo

Il nuovo Boccaccio Rugby News

domenica 18 dicembre 2016

AMARO TORNEO QUALIFYING COMPETITION: PETRARCA ESCLUSO A CAUSA DI UN REGOLAMENTO ASSURDO

Alla squadra di Cavinato non sono bastate 4 vittorie su 4
Passa Mogliano Rugby, 2 sole vittorie su 4 gare


Prima di ritornare a parlare dei numeri del Campionato d’Eccellenza (lo farò dopo questo post), è doveroso parlare dell’amara conclusione - per il Petrarca – dell’avventura in Qualifying Competition, il torneo che avrebbe potuto darle la possibilità di giocarsi le carte per un’eventuale partecipazione alla Challenge Cup 2017-18.
Ricordo, per i meno informati, che il torneo è stato organizzato dall’ E.P.C.R. (European Professional Club Rugby), congiuntamente al Rugby Europe (ex FIRA, l'organo di governo del rugby a 15 in Europa, emanazione continentale di World Rugby, l'organismo internazionale che sovrintende alla disciplina) e dalla F.I.R. (Federazione Italiana Rugby) che, in questo torneo, vanta il 50% di squadre partecipanti (4 posti; le altre – Russia, Belgio, Spagna e Germania - hanno un posto ciascuno).
La squadra di Andrea Cavinato si è vista escludere dal barrage (una sorta di play off dove le due vincenti di ciascuna pool si dovranno battere in incontri di andata e ritorno con l’ Enisei – squadra russa – e Timisoara Saracens – rumeni, dopodiché le due vincitrici accederanno alla Challenge Cup 2017-18) a causa di un regolamento fatto male, assurdo. Infatti, pur risultando vincente sul campo in tutte e quattro le partite disputate, il Petrarca si vede costretto a cedere il posto a Mogliano. La squadra trevigiana, infatti, era stata battuta una prima volta dai russi del Krasny Yar e poi anche dal Petrarca. Ciononostante, avendo vinto il proprio girone, Mogliano passa al barrage successivo.
Per onor di cronaca, vale la pena ricordare che nel torneo di qualificazione il Petrarca è risultato secondo solo al Krasny Yar (che ha vinto tutte le gare col punto di bonus), totalizzando 19 punti in classifica; ha la miglior difesa con solamente 45 punti subiti ed il secondo miglior attacco (149 punti marcati) con una differenza positiva di 104. Per contro, Mogliano ha perso 2 incontri su 4, racimolando 12 punti in classifica; ha un attivo di 129 punti, contro 122 subiti (diff +7) e, in un’ipotetica classifica comparata tra le due pool, risulterebbe al 4° posto, dietro il Patarò Calvisano (14 pt), il Petrarca (19 pt) e il Krasny Yar (20 pt). A prescindere dall’unicità della formula (gare di sola andata tra quelle della Pool A contro quelle della Pool B) che, tra l’altro, vedrà disputarsi un ultimo, inutile incontro, il 17 gennaio prossimo tra le cenerentole Dendermonde e Heidelberger (entrambe sempre sconfitte e con zero punti totalizzati), a parer mio un regolamento più equo, avrebbe dovuto prevedere almeno di stilare un’unica classifica finale (v. tabella in alto), dove a passare il turno dovevano essere le prime due, le migliori.
Le domande che mi pongo sono queste: chi può aver partorito un simile regolamento? E ancora: la F.I.R., con il 50% delle squadre inserite nel torneo, che peso decisionale ha avuto all’interno del board organizzatore? E, per finire: con che criterio sono stati formulati i gironi – meritocratico? A sorteggio?
Di fatto ne è venuta fuori un’ingiustizia bell’è buona, senza nulla togliere a Mogliano che, rispetto al regolamento, si è aggiudicata l’accesso al barrage.
Concludo con un'ultima considerazione: con che spirito hanno affrontato il torneo le squadre che vi hanno partecipato? 
Lascio a voi la risposta, piuttosto scontata.


Enrico DANIELE