Il Boccaccio Rugby News cambia volto! La nuova versione del sito all'indirizzo www.boccacciorugbynews.it
Questa versione del blog rimarrà attiva ancora per qualche tempo

Il nuovo Boccaccio Rugby News

domenica 11 gennaio 2015

POSTICIPI 9a ECCELLENZA: CALVISANO CAMPIONE D’INVERNO

Netta vittoria contro Viadana.
Lafert San Donà: una vittoria che vale la zona play off.
Il Petrarca vince senza troppo convincere.

Il tabellone della nona giornata di campionato, l’ultima del girone d’andata, si è chiuso oggi pomeriggio con i tre posticipi.
Il Cammi Calvisano si conferma la migliore squadra del campionato: netta la vittoria di oggi contro il Rugby Viadana 1970 (41-10) che incorona campione d’inverno la squadra di Gianluca Guidi. Al Peroni Stadium il risultato è sempre stato in mano alla squadra di casa che chiudeva il primo tempo 22-3, con tre mete all’attivo (25’ tecnica+tr, 30’ Bergamo+tr e 32’ Panico no tr) oltre al piazzato di Seymour al 2’. Viadana centrava i pali al 5’ con McKinley.
La seconda frazione di gioco si apre con la meta di Whytaker per gli ospiti, trasformata da McKynley, poi altre tre marcature calvine: 20’ Canavosio no tr, 39’ tecnica+tr, 41’ Steyn+tr. Un 19-7 parziale che non lascia dubbi sulla superiorità dei bresciani, ora soli in testa alla classifica generale con 36 punti.


Vittoria di misura, ma sufficiente a garantire la quarta posizione in solitaria  a 25 punti, per la Lafert San Donà contro la IMA Lazio (17-16). Scalza dalla zona play off le Fiamme Oro e Viadana, ora al 5° e 6° posto, ferme a 24 punti.
Protagonista il “man of the match” Matt Cornwell, già a punti dalla piazzola dopo soli 3’. Nathan replica all’8’, mettendo il tabellino alla pari. Al 23’ l’equilibrio viene rotto da un bella azione in drive del pack di casa, con Giovanchelli abile a trovare Damo sull’out di sinistra per la meta dell’8-3. Ancora Nathan dalla piazzola riporta sotto la IMA Lazio ma Cornwell, prima dello scadere, doppierà centrando i pali per il 14-6 che chiuderà il primo tempo.
Nella ripresa gli ospiti provano a riportarsi sotto e, con un’azione simile a quella degli avversari, impostano una rolling maul che porta Damiani oltre la linea di meta. Nathan non trasforma, ma la Lazio è ora molto vicina: 14-11. Ci pensa però ancora Cornwell a ristabilire le distanze al 57’: il suo piazzato vale il 17-11. Il giallo a Koroi al 63’ complica le cose per San Donà che fatica a contenere la veemente risposta della Lazio. La squadra di De Angelis, infatti, dopo molti tentativi va in meta al 72’ con Daniele Di Giulio: 17-16. Ed è con questo punteggio che si chiuderà un match molto duro, ma che regala la posizione play off ai veneziani.
Dopo una mattinata di bel sole, cala una densa coltre di nubi su Padova, proprio in concomitanza con l’inizio del match tra il Petrarca Rugby e L’Aquila Rugby Club. La pioggia dal cielo, tuttavia, è scongiurata, ma il buon pubblico accorso al “Memo Geremia” ne attende una di mete dal campo.
Non sarà così, perché alla fine il Petrarca ne marcherà solo 4, sufficienti per il punto di bonus preventivato alla vigilia, ma deludenti rispetto all’avversario, apparso in debito d’ossigeno già molto prima della fine del primo tempo.
La squadra di casa macina gioco, con maggior possesso palla per tutto l’incontro, ma non riesce, salvo in rari casi, ad attaccare la linea del vantaggio con adeguata efficacia e a fare la differenza.
E anche oggi, pur nella vittoria, il Petrarca deve privarsi di un altro giocatore: Luca Bigi, esce da una mischia chiusa al 24’ pt con una botta al costato, costretto a lasciare il posto di tallonatore a Zani, solitamente impiegato a sinistra della prima linea del Petrarca. Bigi va a fare compagnia all’altro tallonatore, Vincenzo Delfino, uscito dal campo domenica scorsa contro la Ima Lazio. C’è solo da sperare che, grazie alle 2 settimane di sosta, il Petrarca riesca a recuperare i molti giocatori che affollano l’infermeria.
Il match inizia subito con Bonifazi che fallisce un facile tentativo dalla piazzola, spedendo il pallone incredibilmente a lato da posizione centrale sulla linea dei 22. Al 9’ il cartellino giallo a Forte, punito da Blessano per un placcaggio pericoloso, lascia gli ospiti in inferiorità numerica. Ne approfitta subito il Petrarca al 10’ che trova un ottimo spunto con Francesco Favaro, rapido sull’out di sinistra. Il tentativo di placcaggio fa “scoppiare” di mano il pallone al centro bianconero, che viene raccolto in maniera regolare da Woodhouse, lesto a infilarsi tra le maglie difensive avversarie e posare l’ovale in meta. Fadalti centra la trasformazione ed il Petrarca è avanti 7-0.
Ancora avanti il Petrarca con Benettin, fermato fallosamente. Al 14’ il piazzato di Fadalti allarga lo score: 10-0.
Passano 15 minuti di gioco rotto a centro campo, tra ripetizioni di mischie e un paio di touche per parte, senza vedere nulla di particolarmente piacevole.
A rompere gli indugi un’iniziativa personale di Innocenti al 31’ che trova una veloce ripartenza in prossimità della linea dei 10 metri nella propria metà campo. Al centro campo lo scambio rapido con Woodhouse: l’australiano mette in condizione Benettin di marcare la sua prima meta dopo il ritorno al Petrarca. Fadalti non sbaglia da posizione molto facile: 17-0.
Chiude il primo tempo la meta di Innocenti, che trova un varco nella difesa aperta de L’Aquila. Ancora piuttosto semplice la trasformazione di Fadalti: 24-0.

Lorenzo Innocenti: ha propiziato l'azione che ha portato in meta Benettin e ha marcato una meta personale alla fine del primo tempo.
(ph Corrado Villarà)
Nella ripresa gli ospiti provano a gestire il gioco e ci riescono, bissando due marcature: al 5’ è Jovenitti (subentrato a Subrizi) a marcare la prima meta nero verde, e al 13’ è Santillo a trovare lo spunto veloce sulla sinistra,  dopo un break di Bonifazi, che trasformerà la meta dell’ala: 24-12.

La sconda meta de L'Aquila: è Santillo a posare l'ovale, con il tentativo di  difesa di Luca Nostran
(ph Ufficio Stampa L'Aquila Rugby)
La quarta meta del Petrarca arriva in maniera abbastanza fortunosa al 22’. La difesa dell’Aquila riesce a rubare palla al Petrarca, ma il calcio di rimessa di Speranza colpisce fortuitamente Jovenitti. Il più lesto ad approfittare del rimbalzo è Zani, che schiaccia in meta. Fadalti stavolta fallisce la trasformazione, ma il Petrarca ha in tasca il punto di bonus: 29-12.

Federico Zani: subentrato a Bigi, nel ruolo di tallonatore, ha marcato la meta del bonus per il Petrarca.
(ph Corrado Villarà)
Passa qualche minuto e Menniti-Ippolito, subentrato al 22’ a Benettin, imbecca Nostran con un pallonetto che il terza-ala bianconero non riesce a raccogliere per una facile meta. Al 33’ ancora uno spunto personale di Fadalti (man of the match a fine gara) mette in condizione Rossi di portarsi a pochi metri dalla linea di meta, ma viene fermato prima da un “in avanti”.
Fino alla fine non succede nulla di rilevante e la gara termina sul 29-12 in favore del Petrarca, dal quale ci si aspettava qualcosa di più, specie sotto l’aspetto del gioco.
Il Petrarca conquista cinque punti, che non modificano la sua 7a posizione in classifica (7° posto a 22 punti), ma che lo avvicinano alla zona play off, ora lontana solo 3 lunghezze.
Per i bianconeri il campionato riprenderà il primo di febbraio, con il posticipo della prima giornata del girone di ritorno: si giocherà al Plebiscito per il  154° Derby d’Italia contro Rovigo.

Il tabellino del match e la classifica generale aggiornata.
Padova, Impianti Sportivi “Memo Geremia” Domenica 11 gennaio 2015
Campionato d’Eccellenza 9^ giornata
PETRARCA PADOVA vs L’AQUILA RUGBY 29-12 (24-0)
Marcatori: PT: 10’ m. Woodhouse tr. Fadalti, 14’ cp. Fadalti, 31’ m. Benettin tr. Fadalti, 39’ m. Innocenti tr. Fadalti; ST: 5’ m. Iovenitti, 14’ m. Santillo tr. Bonifazi, 22’ m Zani.
PETRARCA PADOVA: Fadalti; Rossi, Favaro, Woodhouse (30’ st Cerioni), Innocenti; Benettin (22’ st. Menniti-Ippolito), Francescato (30’ st Curtolo); Giusti, Nostran (27’ st Artuso), Conforti; Rocchia, Michieletto (30’ st Trotta); Leso (5’ st. Iacob), Bigi (24 pt. Zani), Vento (5’ st Furia).
Allenatori: Moretti-Salvan
L’AQUILA RUGBY: Bonifazi; Santillo, Mattoccia, Panetti (12’ st Matzeu), Palmisano; Forte (38’ st Erbolini), Leone (20’ st Speranza); Boccardo, Lofrese, Catelan (1’ st Ceccarelli); Cialone (5’ st Fiore), Caila; Subrizi (39’ pt Iovenitti), Cocchiaro (5’ st Rettagliata), Breglia (33’ st Sebastiani).
Allenatore: Massimo Di Marco
Arbitro: Claudio Blessano (TV)
Cartellini: giallo 9’ pt Forte
Man of the match: Niccolò Fadalti
Calciatori: Bonifazi cp 0/1 tr. 1/2; Fadalti cp 1/1 tr. 4/5.
Note: cielo coperto, temperatura fredda, campo in discrete condizioni, 1000 spettatori
Punti conquistati in classifica: Petrarca Padova 5;  L’Aquila Rugby 0.  
  


Enrico DANIELE