Il Boccaccio Rugby News cambia volto! La nuova versione del sito all'indirizzo www.boccacciorugbynews.it
Questa versione del blog rimarrà attiva ancora per qualche tempo

Il nuovo Boccaccio Rugby News

sabato 28 maggio 2016

IL TRICOLORE E’ ROSSOBLU

Dopo due finali perse, stavolta Rovigo batte Calvisano 20-13 e vince il suo 12° scudetto.


Ha vinto il migliore, senza ombra di dubbio.
La Femi CZ Rovigo stavolta non delude i suoi tifosi, accorsi al Battaglini in numero forse maggiore rispetto alle altre occasioni, e fa suo un match equilibrato nella prima parte di gara, ma vinto nel secondo tempo grazie ad una migliore condizione fisica e ad un monumentale Stefan Basson, quasi perfetto dalla piazzola (5/7), erede di un altro uomo simbolo rossoblu, Luke Mahoney al quale verosimilmente va parte del merito di questo scudetto. E’ lui il migliore in campo, con Momberg e Bernini che, tuttavia, lascia i compagni in 14 negli ultimi 10 minuti del secondo tempo per un placcaggio su Minozzi, ancora in aria.
Calvisano era tornato al Battaglini senza il favore dei pronostici delle scorse stagioni e con alcuni giocatori in precarie condizioni fisiche (Costanzo e Tuivaiti – sostituiti nel corso della gara), ma convinto a vendere cara la pelle.
E per tutta la prima parte della gara, in effetti, c’è stato un buon equilibrio tra le due formazioni con Vlaicu che apre lo score mettendo tra i pali un drop al 3’.
Non è preciso però l’apertura rumena di Calvisano che tre minuti più tardi fallisce un’altra occasione dalla piazzola. E sarà questa una delle chiavi di volta della gara, con Vlaicu che sbaglierà altri due calci durante l’incontro ed in un’occasione, sul punteggio di 9-6 per Rovigo, sceglierà di andare in rimessa laterale piuttosto che tentare la via dei pali. Diversamente farà Basson, che piazza tutto quello che può, fallendo un solo calcio e la trasformazione della meta di McCann, realizzata al 23’ st sulla bandierina di destra. Dopo il giallo a Bernini (30’ st) Calvisano pareggia il conto delle mete con Zdrilich, dopo una serie di pick & go. Vlaicu trasforma, ma per Calvisano è troppo tardi per recuperare gli altri 7 punti che mancano per andare ai supplementari e tentare di vincere il terzo scudetto consecutivo, perché di lì a poco arriva il fischio finale del direttore di gara, Matteo Liperini (arbitraggio corretto e fermo nel tenere in pugno il match, specie quando sul finale si erano scaldati gli animi).
Vince la squadra più forte (20-13), che ha dominato il campionato, concluso in testa alla fine della stagione regolare.
Lo scudetto (il nr. 12) torna a Rovigo dopo 26 anni. L’ultimo era stato vinto nella stagione 1989-90, quando tra le fila dei rossoblù giocava l’allenatore di Calvisano, Massimo Brunello.
La società di via Alfieri raggiunge il Petrarca in terza posizione tra le società italiane più titolate (18 Amatori Milano, 15 Benetton Treviso).
“Una grande soddisfazione per il pubblico, ma anche per la Società” sono le parole di un Presidente Zambelli molto compito, ai microfoni di Rai Sport2. 

Stefan Basson, l'uomo faro della Femi CZ Rovigo Campione d'Italia ss. 2015-16
(ph Giampaolo Donzelli)
Il tabellino del match.
Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – sabato 28 maggio
Eccellenza, Finale
Femi-CZ Rovigo v Rugby Calvisano 20-13
Marcatori: p.t. 3’ drop Vlaicu (0-3); 15’ cp. Basson (3-3); 19’ cp. Basson (6-3); 33’ cp. Vlaicu (6-6); s.t. 4’ cp. Basson (9-6); 10’ cp. Basson (12-6); 17’ cp. Basson (15-6); 24’ m. McCann (20-6); 35’ m. Zdrilich tr. Vlaicu (20-13)
Femi-CZ Rovigo: Basson; McCann, Majstorovic, Van Niekerk, Menon; Rodriguez, Frati M. (19’ st. Chillon); Bernini, Lubian, Ruffolo; Parker, Ferro; Tenga (38’ st. Atalifo), Momberg (cap, 34’-38’ st. Momberg), Quaglio (39’ st. Balboni)
all. McDonnell
Rugby Calvisano: Chiesa; Canavosio, Bergamo (25’ st. Minozzi), Castello (cap), Di Giulio G.; Vlaicu, Raffaele (38’ st. Surugiu); Tuivati (25’ st. Zdrilich), Mbandà, Belardo; Beccaris (34’ st. Andreotti), Cavalieri; Costanzo (21’ pt. Riccioni), Morelli (34’ st. Giovanchelli), Panico (38’ st. Violi)
all. Brunello
arb. Liperini (Livorno)
Man of the match: Basson (Rovigo)
Cartellini: 30’ st. Bernini (Rovigo)
Calciatori: Basson (Rovigo) 4/7; Vlaicu (Calvisano) 2/5
Note: serata calda, terreno in ottime condizioni. In tribuna il Presidente federale Alfredo Gavazzi. Stadio esaurito, 6045 spettatori. 


Enrico DANIELE