Per la stagione sportiva 2017-18 il Boccaccio Rugby News cerca collaboratori per ampliare l’offerta informativa con riferimento alle squadre del Petrarca Rugby – articolisti per Under 18 e Under 16, fotografi per Eccellenza, Serie A, Under 18 e Under 16 – inviare mail a boccacciorugbynews@gmail.com
PETRARCA ’70 di Giorgio Sbrocco, Alberto Zuccato e Elena Barbini - E’ disponibile il libro sulla storia del Petrarca – Chi volesse acquistarne una copia (Euro 35,00 + ev. spese di spedizione) può inviare mail a boccacciorugbynews@gmail.com

sabato 23 marzo 2013

CAMPIONATO ECCELLENZA: ANTICIPI 16° TURNO - RISULTATI


Derby veneti a Mogliano e Petrarca.
Zona play off compromessa per il Vea Femi CZ Rovigo.



Si sono disputati nel pomeriggio odierno gli anticipi della 16° giornata del campionato d’ eccellenza.
Erano previsti due derby veneti. Entrambi gli incontri interessavano squadre in competizione per la conquista del 4° posto nei play off.
Ebbene, le due vittorie sono andate alle squadre in trasferta: Marchiol Mogliano e Petrarca.
Al Battaglini il Vea Femi CZ Rovigo deve inchinarsi al Marchiol Mogliano (13-16) che è sempre stata in vantaggio sui polesani.
L’incontro parte in equilibrio sui piedi dei due calciatori: Fadalti per Mogliano e Basson per Rovigo che centrano i pali dalla piazzola una volta per ciascuno. Sarà poi Fadalti al 22’ a bissare e al 26’ mettere la palla oltre la linea di meta e a trasformare. Primo tempo dunque che si chiude sul punteggio di 3-13 per gli ospiti.
Nella ripresa ancora un calcio per parte e poi la meta di Menon, trasformata da Basson che dà il punto di bonus difensivo ai bersaglieri, ma che non basta per la vittoria.
I trevigiani restano aggrappati al Petrarca che a San Donà comanda il gioco sin dal fischio d’inizio, ma non riesce a finalizzare la 4° meta che le darebbe il punto di bonus.
Moretti schiera estremo il giovane Bellini (Bortolussi in panchina) e in mediana lascia a riposare Travagli che viene sostituito da Billot. Favaro e Innocenti alle ali, Chillon e Bertetti centri. Menniti- Ippolito all’apertura. Sarto nr 8, Targa e Holmes flankers; in seconda Mathers in coppia con Giusti. Prima linea con Furia, Gega e Leso.
Per il resto sono in tribuna Ansell e Mercanti che nella rifinitura di ieri ha risentito dell’infortunio alla costola patito nel derby a Rovigo. In panchina Caporello, Damiano, Conforti, D’Agostino, Tveraga, Sanchez e Francescato.
Parte subito forte il Petrarca che mette subito le mani avanti: al 3’ va già in meta con tutto il pack ed è Alesandro Furia con Tyrone Holmes in sostegno  a posare a terra l’ovale dopo la linea di meta. Menniti-Ippolito, oggi in giornata di grazia (3/3 trasformazioni e 1/1 su punizione), trasforma: 0-7. L’apertura petrarchina replica qualche minuto dopo dalla piazzola per un fuorigioco del San Donà: 0-10, La reazione dei padroni di casa non si fa attendere e l’M-Three sfiora la meta introno al 12’. La difesa del Petrarca è brava a resistere agli attacchi di Molitika e C. I veneziani muovono lo score al 21’: Traversi concede una punizione che Brussolo mette tra i pali da circa 30 metri: 3-10. Ancora 10 minuti più tardi passa il San Donà: Brussolo si ripete dalla piazzola da oltre 35 metri: 6-10. La partita si fa ruvida ed i padroni di casa sentono di poter riprendere il Petrarca che fatica a gestire il pallino del gioco. Al 34’, appena passata la metà campo del Petrarca, Flynn evita due avversari con un doppio passo e riesce ad andare in meta. Brussolo da posizione angolata non trasforma, ma i 5 punti sono sufficienti per il sorpasso: 11-10. Il vantaggio dei padroni di casa dura poco. Il Petrarca riesce ancora una volta a violare l’area di meta veneziana ancora con tutto il pack: è ancora Furia, al 38’ a schiacciare l’ovale. Menniti-Ippolito trasforma e il Petrarca allunga: 11-17.
Si va al riposo con ancora 40’ per marcare le due mete che darebbero il bottino pieno ai bianconeri. La ripresa però non darà ai bianconeri il risultato sperato.
Favaro viene sostituito da Bortolussi, che passa estremo.
Traversi dà una mano al Petrarca e commina un giallo a Lobberts già al 10’ s.t. Il quindici bianconero non riesce ad approfittare del vantaggio numerico, seppur avvicinandosi di molto alla meta. Anzi, sembra subire la reazione d’orgoglio del San Donà, sostenuto dal pubblico che lo incita dalla tribuna. Al 65’ è ancora Brussolo dalla piazzola a riportare sotto i biancocelesti (14-17). Il Petrarca prova a dare la zampata. Al 70’, dopo un’azione che dalla destra del campo si sposta dalla parte opposta, dentro i 22 di San Donà, Targa trova la via della meta, in prossimità del palo di sinistra. Menniti-Ippolito centra la facile trasformazione ed il Petrarca riparte alla ricerca della 4° meta: 14-24. Meta che però non arriva, nonostante il Petrarca la cerchi. L’M-Three ha anche l’occasione per riportarsi sotto col risultato ma, stavolta, dalla piazzola Brussolo non centra i pali. Gli ultimi minuti si chiudono con il Petrarca in avanti, ma sul fischio finale di Traversi il punteggio si fissa sul 14-24.
Il Petrarca porta a casa la vittoria, obiettivo primario, senza il bonus, ma mantiene invariata la distanza da Mogliano che ha vinto a Rovigo. Ora i bersaglieri sono staccati di 8 punti dal Petrarca e 6 dal Mogliano. Trevigiani che mantengono invariato (-2) il distacco dal Petrarca.
Nel Petrarca da sottolineare l’ottima prestazione del pack di prima linea (Leso su tutti) e la convincente prova di Targa, coronata dalla meta. Combattivi come sempre Sarto, Mathers e Holmes. Nelle file di San Donà ottimo Iovu (man of the match), Flynn, Lobberts e Molitika.
Sugli altri campi da registrare la difficoltà di Viadana ad aggiudicarsi la vittoria contro L’Aquila, in vantaggio 6-0 alla fine del primo tempo, la vittoria della Mantovani sui Crociati (34-11), mai in discussione, e la vittoria in trasferta dell’altra romana, le Fiamme Oro che hanno battuto Reggio 23-30.
Nell’attesa del posticipo domenicale tra il Cammi Calvisano e i Cavalieri Prato, la classifica vede al comando Viadana con 68 punti, segue Calvisano 63 e Prato 61; Petrarca 52, Mogliano 50 e Rovigo 44. La Mantovani risale in 7° posizione a 31 punti, davanti le Fiamme Oro a 29. Reggio a 27, L’Aquila 9 e ultimi i Crociati fermi sempre a 4 punti.

Enrico DANIELE