Il Boccaccio Rugby News cambia volto! La nuova versione del sito all'indirizzo www.boccacciorugbynews.it
Questa versione del blog rimarrà attiva ancora per qualche tempo

Il nuovo Boccaccio Rugby News

giovedì 18 maggio 2017

FINALE SERIE A: PRESUTTI, NESSUNO E’ FAVORITO

Pasquale Presutti frena gli entusiasmi in vista della finale promozione di domenica
“Sono abruzzese fuori, ma toscano in campo”
E poi, la dedica ad un amico

Pasquale Presutti: domenica I Medicei giocheranno la finale per l'accesso all'Eccellenza.
L'allenatore abruzzese è alla sua terza finale in 7 stagioni
(ph. dal sito de I Medicei)
Domenica a Parma si disputerà la finale per la promozione in Serie A tra la Toscana Aeroporti I Medicei e L’Aquila Rugby Club.
Avrà un sapore particolare per l’allenatore dei gigliati Pasquale Presutti.


Nelle ultime sette stagioni, con quella di domenica saranno 3 le finali (da allenatore) disputate da Presutti, due quelle vinte: ss. 2010-11 scudetto in Eccellenza col Petrarca, ss. 2013-14 Trofeo Eccellenza con le Fiamme Oro, in entrambe in le occasioni in trasferta al “Battaglini” di Rovigo.
E’ abituato, quindi, alla tensione che inevitabilmente si accumula in attesa di un tale evento, in apparenza non soffrendone più di tanto.
Domenica sarà una finale che avrà qualcosa in più, rispetto alle altre: per la prima volta in vita sua davanti avrà la squadra della sua provincia natia.

BRN. Pasquale, l’abitudine alle finali ha irrobustito, se ce ne fosse stato bisogno, il tuo fisico ma soprattutto la tua testa. Ne hai disputate tante da giocatore e in questi ultimi anni anche da allenatore. Quella di domenica, tuttavia, ha un qualcosa in più rispetto alle altre.
Presutti: Sì, hai ragione, è la prima volta che di fronte avrò la squadra della terra dove sono nato, dove risiedono ancora i miei parenti e dove le mie radici sono ancora profonde, nonostante il mio girovagare per l’Italia ovale. Ma ti dico subito che domenica, un minuto prima del fischio d’inizio mi sentirò per metà abruzzese e per metà toscano, ma immediatamente dopo sarò solo toscano, anzi fiorentino. Una volta che l’arbitro avrà fischiato, quelli che avremo davanti saranno solo avversari da battere.
   
BRN. La tua squadra arriva a questa finale dopo una prima fase di campionato in cui ha totalizzato un 8/2 (ndr, sconfitta a Parma contro l’Accademia e a Recco) e una seconda fase ove con le migliori avete fatto ancora meglio: un 9/1 (ndr, unica sconfitta a Recco) ed avete battuto entrambe le volte L’Aquila Rugby Club sia in casa, alla prima giornata, che al “Fattori”, uno stadio che solo a nominarlo mette paura a tutti tanta è la sua tradizione ovale (ndr, solo Primavera Rugby e Accademia vi hanno vinto). Nelle due gare di semifinale avete vinto entrambe le volte, ergo, in finale ci arrivate da favoriti.
Presutti. Sarebbe troppo facile risponderti di sì, ma sai bene che in finale tutto si riallinea, nessuno è favorito. Detto questo, della mia squadra posso essere più che soddisfatto. Abbiamo giocato una stagione sempre ai vertici, facendo fronte anche ad alcuni imprevisti che, grazie all’impegno della società, dei miei collaboratori e dei giocatori, abbiamo superato. Domenica avremo di fronte un club di grandi tradizioni, che conosco molto bene: lì ho tanti amici e con me adesso ho giocatori che hanno vestito la casacca neroverde. Una squadra che affronteremo con grande rispetto e attenzione, ma anche con l’agonismo necessario per cercare di vincere una gara molto impegnativa, soprattutto mentalmente.

BRN. Ecco, proprio su questo volevo un tuo parere: l’aspetto mentale. Dicevo prima che tu sei abituato al confronto secco di una finale. Le ultime due volte addirittura le tue squadre erano date per sfavorite, ma alla fine l’avete spuntata. Credi che i tuoi giocatori, dopo un campionato di vertice e due semifinali vinte lodevolmente, si sentano già padroni della promozione?
Presutti. Arrivati a questo punto, come ci siamo arrivati noi, è un aspetto importantissimo da non sottovalutare. Se tecnicamente non posso più dire nulla ai miei ragazzi, in questa settimana il lavoro più grosso sarà quello di lavorare sulla loro psicologia. Sono preparati fisicamente, hanno dimostrato di saper affrontare ogni tipo di avversario e batterlo. Quello che devono assimilare adesso è la massima concentrazione e la consapevolezza che il più deve ancora essere fatto. In questi casi noi dobbiamo svestirci dei panni del tecnico e indossare quelli dello psicologo, del buon padre di famiglia che aiuta il proprio figlio mettendogli di fronte le difficoltà a cui dovrà andare incontro, ma togliendo loro sia l’idea di avere già superato l’ostacolo e allo stesso tempo senza alzare troppo l’asticella, per non caricarli di tensione che potrebbe avere effetti indesiderati. Mi è successo altre volte e mi è andata bene, spero anche domenica.

Memorabile il “lavoro mentale” di Presutti prima della finale scudetto vinta col Petrarca (ndr, esiste anche una traccia video) e quello con le Fiamme Oro prima della finale del Trofeo Eccellenza (ndr, l'allora Fiamme Oro Guido Barion, rodigino D.O.C., in quella finale marcò due mete al “Battaglini”).

BRN. Chiudiamo questa chiacchierata con una domanda che mi sta particolarmente a cuore. Qualche tempo dopo la vittoria dello scudetto nel 2011, ebbi modo di discutere con un amico comune sull’opportunità o meno che tu restassi alla guida del Petrarca. Quell’amico convenne con me che era meglio tu avessi cambiato aria. Dovesse succedere domenica, lascerai la guida de I Medicei?
Presutti. Purtroppo (e fa una risatina) devo dare una delusione a te e anche a quel nostro caro amico. La società mi ha già chiesto ancora due anni di lavoro e non ho potuto rifiutare.

Pasquale Presutti non si smentisce mai, tuttavia dopo l’intervista mi ha richiamato: “Se vinceremo questa finale, la dedicherò senz’altro a quell’amico che abbiamo salutato per sempre poco tempo fa ed ora non c’è più”.

La finale della Serie A si gioca in contemporanea a gara 2 della semifinale Eccellenza. Sono certo che quell’amico, petrarchino sino al midollo, domenica sarebbe andato a Parma.
 
Enrico DANIELE