Il Boccaccio Rugby News cambia volto! La nuova versione del sito all'indirizzo www.boccacciorugbynews.it
Questa versione del blog rimarrà attiva ancora per qualche tempo

Il nuovo Boccaccio Rugby News

domenica 14 maggio 2017

SEMIFINALI SERIE A: SI INFRANGE IL SOGNO ECCELLENZA DEL VALSUGANA, IN FINALE CI VA L’AQUILA

Gara 2 fatale per gli astorini, sconfitti anche in casa 21-33
Fabio Beraldin: “E’ comunque un risultato eccezionale per il Valsugana, che solo la scorsa stagione lottava per non retrocedere”
Luigi Fabiani: “Non era previsto un traguardo così, ma ci siamo e ce la giochiamo”

Vittoria in gara 2 de L'Aquila Rugby Club contro il Valsugana 33-21.
Ad un anno dalla retrocessione, il club abruzzese si gioca le carte per risalire in Eccellenza.
(ph Ufficio Stampa L'Aquila Rugby Club)
Dura solo un tempo il sogno del Valsugana Rugby di conquistare la finale per salire in Eccellenza.

Nonostante il fulminante uno-due di Beraldin e di Caporello (mete trasformate da Roden) che infiamma gli oltre 1.000 spettatori assiepati ai bordi del campo di Altichiero, i biancocelesti non resistono ad un secondo tempo tutto a favore degli ospiti.  Il grande il lavoro del pack aquilano e il gioco dei trequarti congelano il tabellino del Valsugana. I neroverdi marcano quattro mete e con quella segnata nel primo tempo mettono il sigillo ad una finale che, ad inizio stagione, non era nemmeno ipotizzabile.
Tra mille difficoltà siamo arrivati tutti a conquistare questo risultato – afferma soddisfatto il presidente Mauro Zaffiri, che si complimenta con staff e giocatori – ora andiamo a giocarci la finale”.
L’Aquila bissa il successo di gara 1, vinta al Fattori 30-19 e un anno dopo la retrocessione, domenica prossima potrà giocarsi tutte le carte nella finalissima contro I Medicei dell’aquilano di Trasacco, Pasquale Presutti.
Alla prima giornata del girone promozione nella gara che perdemmo a Firenze, Presutti aveva pronosticato una finale tra L’Aquila e Medicei – dichiara raggiante Luigi Fabiani, DG de L’Aquila Rugby Club – e non ha sbagliato la previsione. Abbiamo raggiunto un traguardo che come società avevamo posto più in là nel tempo, ma è arrivato adesso e ce la giocheremo
C’è amarezza e delusione tra le fila del Valsugana, ma anche la consapevolezza di avere dato il massimo. “Se pensiamo che la scorsa stagione abbiamo giocato i play off retrocessione – dichiara Fabio Beraldin, ex presidente del Valsugana, ora consigliere federale – questo è da ritenersi un risultato eccezionale. Solo qualche anno fa nessuno avrebbe mai pensato che il Valsugana potesse giocare una semifinale del genere e questo deve essere motivo di orgoglio per i giocatori, lo staff e tutti i dirigenti”.

La cronaca.
Partenza a razzo del XV di Polla Roux che deve recuperare 4 mete subite all’andata, segnarne una in più e distaccare gli avversari di almeno 12 punti per sperare nella semifinale.
L’uno-due micidiale di Beraldin (3’) e Caporello sostenuto dal pack (6’) con le trasformazioni di Roden metterebbero in ginocchio chiunque, anche perché fa un gran caldo e gli abruzzesi potrebbero patirne oltre il limite. Il caloroso sostegno del pubblico di casa aumenta la pressione dei biancocelesti che, tuttavia, subiscono la prima meta ospite al 9’ ad opera di Cemicetti. Da posizione angolata non riesce la trasformazione di Cozzi.
L’aggressività dei padroni di casa mette in difficoltà gli ospiti che faticano a prendere le misure e sbagliano anche una punizione non impossibile.
Dopo il water break la gara è caratterizzata da molte fasi statiche che rallentano il gioco, favorendo L’Aquila. Ma prima che Tomò mandi tutti al riposo, un’azione fulminea di Beraldin riaccende gli animi della tifoseria e aumenta le speranze: azzeccata la linea di corsa dell’ala biancazzura che va in meta. Roden è preciso e al riposo il Valsugana ha un discreto vantaggio sugli ospiti 21-5 ma soprattutto è ad una sola marcatura per il bonus che metterebbe in pari i discorsi.
Ma la ripresa è un’altra partita.
La mischia de L’Aquila fa la differenza e si impone su quella di casa. Complice un giallo a Rizzo, il lavoro in recupero dei neroverdi diventa più agevole. Al 53’ dopo una serie di percussioni che tentano di sfondare l’attenta difesa di casa, è Rettagliata a marcare la seconda meta ospite. Cozzi centra i pali.
Il Valsugana tenta di riordinare le idee, ma L’Aquila risponde con un’altra marcatura: Tomò assegna una meta di punizione dopo che il pack neroverde non aveva trovato molta resistenza a seguito di una mischia ordinata nei 22.
Ora le cose si complicano per il XV di casa che non riesce a reagire con la dovuta energia, anzi rimane pressoché chiuso nella propria metà campo.
Al 68’ ancora una meta ospite: favorito da un intercetto è Speranza a schiacciare l’ovale e Cozzi a trasformare la meta del bonus.
Non si arrende Valsugana, anche se ormai non c’è quasi più nulla da fare, ma L’Aquila infierisce con la quinta meta di Cerasoli, a seguito di una bella azione personale. Di Marco chiude il conto a favore dei suoi che vincono meritatamente 33-21.

Padova, campo Valsugana Rugby – 14 maggio 2017
Serie A, semifinale di ritorno play off
Valsugana Rugby Padova vS L'Aquila Rugby Club 21-33 (21-5)

Marcatori: p.t. 3' Beraldin tr. Roden (7-0); 6' m. Caporello tr. Roden (14-0); 9' m. Carnicelli (14-5) 40' m. Beraldin tr. Roden (21-5); s.t. 53' m. Rettagliata tr. Cozzi (21-12); 65' m. tecnica tr. Cozzi (21-19); 68' m. Speranza tr. Cozzi (21-26); 77' m. Cerasoli tr. Di Marco (21-33)

Valsugana Rugby Padova: Sartor; Lisciani, Dell'Antonio, Calderan (28' Mamprin), Beraldin; Roden, Piazza (46' Giallongo, 69' Pauletti); Girardi (74' Rizzo), Chimera (56' Caldon), Rizzo (57' Ramirez); Sironi, Trevisan; Varise (47' Paparone), Pivetta (54' Sanavia), Caporello (60' Chapple).
Allenatore: Polla Roux

L'Aquila Rugby Club: Cozzi (69' Cialente); Palmisano (41' Laperuta), Erbolini, Angelini, Giorgini; Di Marco, Carnicelli (46' Speranza); Basha (66' Ponzi), Gentile, Canulli; Cerasoli, Cialone (51' Vaschi); Montivero (68' Rossi), Rettagliata (69' Fusco), Schiavon (69' Barducci).
Allenatori: Vincenzo Troiani e Pierpaolo Rotilio

Arbitro: Emanuele Tomò (Roma)
AA1 Boraso (Rovigo), AA2 Franzoi (Venezia)
Quarto uomo: Poggipollini (Bologna)

Cartellini: 48' giallo a Rizzo (Valsugana)
Calciatori: Roden (Valsugana) 3/3; Cozzi (L'Aquila) 3/5; Di Marco (L'Aquila) 1/1
Note: giornata calda, spettatori 1000 circa.
Punti conquistati in classifica: Valsugana Rugby Padova 0; L'Aquila Rugby Club 5.
Man of the match: Jacopo Schiavon (L'Aquila Rugby Club)


Enrico DANIELE