Il Boccaccio Rugby News cambia volto! La nuova versione del sito all'indirizzo www.boccacciorugbynews.it
Questa versione del blog rimarrà attiva ancora per qualche tempo

Il nuovo Boccaccio Rugby News

domenica 15 febbraio 2015

SERIE C GIRONE B: IL PETRARCA SI SVEGLIA NEL SECONDO TEMPO.

Partenza opaca e primo tempo finito in svantaggio.
Poi i cambi, ed è tutta un’altra musica.

Alberto Zampiron, capitano della squadra Cadetta del Petrarca, vincente oggi 48- 12
nel recupero della nona giornata contro l' Ospitaletto CPR
(ph Riccardo Callegari)

Sulla carta doveva essere poco più di una passeggiata, tant’è che Monfeli e Marcato (per la prima volta da assistant sulla panchina cadetta del Petrarca), per la gara interna contro l’Ospitaletto CPR (penultimo posto in classifica, 9 punti, 7 sconfitte, 2 vittorie) avevano mandato in campo un XV fatto di giocatori in rosa della seconda squadra bianconera.
Così però non è sembrato, almeno nella prima frazione di gioco dove il Petrarca ha faticato a prendere le misure agli ospiti, apparsi più determinati e pesanti, specie in mischia chiusa.



Alla meta di Gutierrez al 24’, dopo gli sviluppi di un’azione da rimessa laterale, con palla a Trambaiolo e Banzato, per la finalizzazione sull’out di destra del tallonatore bianconero (5-0), rispondeva l’Ospitaletto qualche minuto più tardi, con una meta scaturita da una mischia nei 22 bianconeri, con il pack ospite che accompagna la schiacciata di Stefanini, trasformata da Marzetta (5-7).
Il Petrarca era in inferiorità numerica, per il giallo comminato al 30’ a Polliero, tuttavia gli ospiti giustificavano il vantaggio della prima frazione di gioco per un maggior possesso e territorialità rispetto ai bianconeri, apparsi piuttosto “sufficienti” e poco incisivi nella gestione del gioco.
Il breve riposo, costato sicuramente una sonora ramanzina di Monfeli, ha giovato al Petrarca, entrato in campo con un assetto ed un piglio decisamente diverso.
Cambiano gli orchestrali (scendono in campo Del Ry, Belluco, Ragazzi, Zago e Vento), cambia lo spartito e la musica cambia registro, intonando melodie più consone alla squadra che ha tutte le carte in regola per fare il salto di categoria.
Dal 1’ in poi non c’è più storia.
2’: meta di Ragazzi, dopo una fiondata sulla fascia laterale sinistra di Covi. Dalle Carbonare mette tra i pali una facile trasformazione (12-7).
6’: meta di Covi, dopo un’altra corsa sull’out di sinistra. Stavolta la trasformazione di Dalle Carbonare è più che eccellente, data l’estrema angolazione e il vento (19-7)
12’: meta di Maken, dopo fallo di “tenuto a terra” avversario e lo slalom vincente della terza linea, nazionale olandese U 19. Dalle Carbonare trasforma (26-7)
21’: meta di Belluco, fotocopia di quella precedente di Covi. Stavolta Dalle Carbonare arriva corto sotto l’acca (31-7)
27’: ancora Belluco in meta, abile nel trovare un break tra le maglie allargate della difesa ospite (36-7)
32’: meta di Zago, al rientro in campo dopo un infortunio ad inizio campionato. Praticamente impossibile fermare il “ball carrier samoano” del Petrarca, che porta l’ovale sotto i pali. Dalle Carbonare completa l’opera (43-7)
34’: meta di Capuzzo (anche lui entrato nella ripresa assieme a Pozzi) per il parziale di 48-7, che chiude le marcature del Petrarca (8 mete).
Quasi allo scadere la chiusura degli ospiti, in meta al 38’ sulla bandierina di destra con Gatti, dopo un’azione viziata da un probabile “in avanti” non rilevato dall’arbitro.
Prima dello scoccare dell’ 80’, c’è tempo ancora per una “quasi meta” di Covi, che però ha pestato la linea bianca sull’out di sinistra.
Finisce così 48-12, con il Petrarca che recupera terreno sulla prima in classifica, il Bassano, che però ha giocato una partita in più ed è davanti di due soli punti.
Da segnalare l’ottimo lavoro svolto nelle settimane precedenti la gara di Andrea Marcato, entrato subito in sintonia con la squadra e la cui presenza è stata di stimolo per affiatare maggiormente il gruppo (se ancora ce ne fosse stato il bisogno) e ha dato quel tocco in più di esperienza maturata dall’apertura 5 volte campione d’Italia con Benetton (4), Calvisano (1) ed ex Nazionale azzurro (16 caps).

A sx Pietro Monfeli, allenatore al 34° anno consecutivo su una panchina,
con Andrea Marcato, al suo esordio come assistant coach (ph Riccardo Callegari)

PETRARCA RUGBY – OSPITALETTO CPR 48-12 (5-7)
Marcatori: PT 24’ m Gutierrez (5-0); 33’ m Stefanini tr Marzetta (5-7); ST 2’ m Ragazzi tr Dalle Carbonare (12-7); 6’ m Covi tr Dalle Carbonare (19-7); 12’ m Maken tr Dalel Carbonare (26-7); 21’ m Belluco (31-7); 27’ m Belluco (36-7); 32’ m Zago tr Dalle Carbonare (43-7); 34’ m Capuzzo (48-7); 38’ m Gatti (48-12)
Petrarca Rugby: 15 Dalle Carbonare; 14 Sattin, 13 Romito, 12 Trambaiolo, 11 Covi; 10 Taffarello, 9 Banzato (v.cap); 8 Zampiron (cap), 7 Macken, 6 Cerutti; 17 Paolucci, 4 Buso; 3 Gutierrez, 2 Peruzzo, 1 Polliero.
A disposizione, tutti entrati: 16 Vento, 17 Ragazzi, 18 Zago, 19 Belluco, 20 Del Ry, 21 Capuzzo, 22 Ponzi.
Allenatori: Pietro Monfeli e Andrea Marcato
Ospitaletto CPR: 15 Ribolla; 14 Pollet, 13 Righetti, 12 Marzetta, 11 Berardelli; 10 Marchina, 9 Festa; 25 Stefanini, 23 Gatti, 26 Sanguinetti; 20 Vezzoli, 7 Coppi; 3 Siviero, 2 Facchi, 1 Membrini.
A disposizione, tutti entrati: 18 Panico, 21 Olugungbiri, 22 Raccagni, 24 Bertuzzi, 30 Plebani.
Allenatore: Roberto Torri

La classifica aggiornata.



Enrico DANIELE