Il Boccaccio Rugby News cambia volto! La nuova versione del sito all'indirizzo www.boccacciorugbynews.it
Questa versione del blog rimarrà attiva ancora per qualche tempo

Il nuovo Boccaccio Rugby News

domenica 18 ottobre 2015

A L’AQUILA UNA VITTORIA CON TANTI PROBLEMI IN MISCHIA

Il risultato finale del match 10-39 non risolve i problemi del Petrarca in mischia chiusa.
Mercier arrabbiato a fine gara, con i suoi e con l’arbitro.


Secondo impegno stagionale per il Petrarca e prima vittoria.
Al “Tommaso Fattori” la squadra di Cavinato porta a casa un risultato utile (39-10), battendo nettamente i neroverdi guidati da Mercier.
Tuttavia, il raggiungimento del duplice obiettivo di oggi (vittoria e 5 punti in classifica) legittimato sul campo già nella prima parte di gara (4 mete: 7’ Fadalti, 10’ e 24’ Nostran, 16’ Trotta), non cancella i grossi limiti del Petrarca in mischia chiusa. Netta la difficoltà, specie della prima linea, nel contrastare adeguatamente gli avversari. Legature troppo “lunghe”, crollo sistematico dei nostri piloni sotto la spinta avversaria.
Una situazione che, cambiando l’ordine dei fattori (30’ sostituzione di Bigoni con Jacob, 34’ ingresso di Milani per un giallo ad Acosta) non fanno cambiare il prodotto, in questo caso prossimo allo zero assoluto.
Basterebbe un solo dato per certificare il dato negativo: col Petrarca in vantaggio 24-3, dal 27’ del primo tempo sino al 36’ si sono giocate in sequenza 10 mischie ordinate sulla linea dei 5 metri del Petrarca. Tutte ad introduzione aquilana, tutte fischiate contro. Alla sesta mischia un “confuso” (uso un eufemismo) arbitro Meconi commina il giallo a Iacob (entrato qualche secondo prima), e alla nona il giallo è per Acosta. L’assurdo alla decima meta, quando il direttore di gara assegna calcio contro a L’Aquila, facendo infuriare la tifoseria di parte neroverde.
Tralasciando per un attimo le improbabili decisioni arbitrali (qualcuno in tribuna ha detto che l’arbitro è il regista dell’incontro ed io gli ho risposto che in giro si vedono troppi brutti film), definire oggi la prestazione della mischia con lo stesso aggettivo usato la scorsa settimana con Rovigo, sarebbe addirittura riduttivo.
Se poi pensiamo che sabato prossimo al “Memo Geremia” arrivano i Campioni d’Italia del Calvisano, credo che “preoccuparsi” in settimana del problema, ahimè, sia tardi.
A fine gara il DS Corrado Covi, presente in tribuna a fianco di Cavinato, non mi pareva facesse salti di gioia.
Credo non resti altro che affidarci ai tanti Santi venerati nella nostra città.
Veniamo alle cose buone.
Mischia a parte, l’avversario di oggi non ha creato grossi problemi al Petrarca. Piuttosto facili le mete dei nostri, a volte marcate con una superiorità numerica di oltre 3 uomini. Tante, però, le occasioni fallite: il risultato acquisito abbastanza presto ha favorito molte azioni individuali non sempre finalizzate a dovere.
Personalmente giudico assai positiva la gara di Trotta, molto mobile e vivo sul campo, in meta al 15’ del primo tempo; molto positivo Nostran (due mete); sempre efficace il capitano Conforti; bene Favaro. Festeggia al meglio il suo ventisettesimo compleanno Niccolò Fadalti: una meta, 3/6 le trasformazioni e 1/1 calcio piazzato, 14 punti in totale. Nikora eletto “Man of the Match”: in tribuna stampa erano presenti più di 5 giornalisti e almeno 3 telecamere, una della RAI.
A fine gara i saluti dei tifosi del Petrarca al mai dimenticato Ludovic Mercier, mentre si sfogava con i giornalisti per la brutta prestazione dei suoi e puntava il dito contro una direzione di gara assolutamente da rivedere. A suo dire, pur riconoscendo la superiorità tecnica del Petrarca, con un giudizio più attento del Direttore di Gara il divario nel risultato poteva senz’altro essere inferiore. Come non dargli torto?
Il tabellino del match.    
L'Aquila, stadio “Tommaso Fattori” – Sabato 17 ottobre
Eccellenza, II giornata
L'AQUILA RUGBY CLUB v PETRARCA PADOVA 10-39 (10-24)
Marcatori: p.t. 2' cp Matzeu (3-0); 7' m Fadalti (3-5); 10' m Nostran (3-10); 16' m Trotta tr Fadalti (3-17); 24' m Nostran tr. Fadalti (3-24); 40' m Mattoccia tr Matzeu (10-24); s.t. 42' cp Fadalti (10-27); 45' m Ferraro (10-32); 52' m tecnica tr Fadalti (10-39).
L'Aquila Rugby Club: Biffi; Panetti (53' Ciofani), Erbolini (70' Angelini), Mattoccia, Perju; Matzeu (c), Carnicelli (53' Speranza); Ceccarelli, Gentile, Boccardo (60' Cecchetti); Sirbe, D'Onofrio (60' Cialone); Badalicescu (45' Subrizi), Marchetto (74' Di Valentino), Tamba (45' Breglia).
all. Mercier.
Petrarca Padova: Menniti-Ippolito (33' temp. Bigoni); Fadalti, Favaro (50' Marcato), Benettin (55' Belluco), Rossi; Nikora, Su'a (50' Francescato); Conforti, Nostran, Salvetti (36' temp. Milani); Michieletto, Trotta; Bigoni (30' Iacob, 70' Acosta), Maistri (41' Ferraro), Acosta (58' Tveraga). A disp.: Giusti.
all. Cavinato.
arb. Meconi di Roma
Cartellini: 33' giallo Iacob (Petrarca); 36' giallo Acosta (Petrarca).
Calciatori: Matzeu (L'Aquila) 2/2; Menniti-Ippolito (Petrarca) 0/1; Fadalti (Petrarca) 4/7;
Note: giornata di sole. Terreno in buone condizioni, spettatori 500 circa.
Punti conquistati in classifica: L'Aquila Rugby Club 0; Petrarca Padova 5.
Man of the match: Miah Melson Nikora (Petrarca)

Tutti i risultati della 2^ giornata.



Enrico DANIELE