mercoledì 16 aprile 2014

RECUPERO 12° TURNO D’ECCELLENZA: PETRARCA VS CAVALIERI

Si gioca sabato alle 16:00
Il sig. Pennè designato ad arbitrare.



Non so se giocare ora il recupero della 12^ giornata di campionato sia un vantaggio o meno, tant’è che l’incontro di sabato prossimo (ore 16:00, Impianti Memo Geremia, differita RAI Sport 1 alle 22,30, arb. Sig. Pennè di Milano) risulta più che mai fondamentale per la lotta ai play off.
Lotta che, sul piano dei risultati ottenuti nell’ultima di campionato, si fa ancor più aspra.
Entrambe sconfitte alla 19^ giornata, ora sono praticamente costrette a vincere (e non potranno farlo entrambe!) per poter mantenere intatte le speranze di accesso alle semifinali.
Leggermente avvantaggiato il Petrarca, che in classifica occupa la 3^ posizione a 6 lunghezze dai toscani, ma i bianconeri dovranno obbligatoriamente restare al palo alla 20^ .
I punti complessivi a disposizione del Petrarca sono 20 (considerando il recupero).
Quelli a disposizione de I Cavalieri sono 25.
Non è possibile fare pronostici, in quanto le combinazioni di punteggio sono infinite e bisognerà tener conto anche dei risultati delle altre due pretendenti (Marchiol Mogliano e Viadana).
Vediamo nel dettaglio la situazione di classifica e i prossimi incontri delle due squadre.
Classifica:
52 Petrarca (3 posto)
46 I Cavalieri (6 posto)
Prossimi incontri:
20^ giornata
Petrarca (riposo)
IMA Lazio – I Cavalieri
21^ giornata
Petrarca – Vea Femi CZ Rovigo
Viadana - I Cavalieri
22^ giornata
Cammi Calvisano – Petrarca
I Cavalieri - Reggio


Enrico DANIELE

domenica 13 aprile 2014

19° TURNO D’ECCELLENZA: RISULTATI POSTICIPI E CLASSIFICA

Petrarca: un calcio alla fortuna. Sconfitto da Mogliano 23-24
Calvisano condanna definitivamente la Capitolina
Sfida (quasi) alla pari tra San Donà e Fiamme Oro

Nel pomeriggio di oggi gli ultimi tre incontri della 19^ giornata del Campionato d’Eccellenza, l’ ottava del girone di ritorno.
Il Petrarca dà un calcio alla fortuna che, a doppie mani, si era offerta sabato (doppia sconfitta di Viadana e Cavalieri) e butta alle ortiche un vantaggio di +11 accumulato alla fine del primo tempo.
Paga cara l’indisciplina (17 punti subiti in inferiorità numerica) e fallisce un calcio piazzato, allo scadere, che poteva darle la vittoria finale.
A Roma il Cammi Calvisano condanna definitivamente la UR Capitolina, affondata 61-12. I romani, a tre giornate dalla fine della regular season e con un turno di riposo da osservare, sono a -17 dalla salvezza e matematicamente in Serie A.
L’ M-Three San Donà comanda la gara e batte, pur di misura, le Fiamme Oro, battute 19-14.

Poco da dire al Campo dell’Unione con il Cammi Calvisano che marca 9 mete (il resto lo fa il piede di Haimona. Sempre prima in classifica (74 pt) la squadra della bassa bresciana, con 2 punti di vantaggio sul Vea Femi CZ Rovigo.
A San Donà era interessante la sfida di centro classifica tra i veneziani ed i poliziotti. Partita sempre in mano alla squadra di Wright e Dal Sie che chiude il primo tempo in vantaggio 16-7 (meta di Birchall e 11 punti al piede di Taumata). Secondo tempo che San Donà tiene in pugno grazie alla superiorità in mischia chiusa ed u n piazzato del solito Taumata, con le Fiamme Oro che vanno in meta con Bacchetti (tr Canna) per il 19-14 finale.
Tribuna completamente esaurita al Memo Geremia, per il match clou della giornata.
Sul campo, in perfette condizioni, di fronte il Petrarca e i Campioni d’Italia del Marchiol Mogliano, in uno scontro diretto che vale la conquista dei play off.
Entrambe baciate dalla dea bendata, il giorno prima, per le contemporanee sconfitte di Viadana e Cavalieri (ndr. dirette concorrenti per le semifinali), le due squadre fanno di tutto per dare un calcio alla fortuna.
Prima i trevigiani, che si fanno infilare da una doppietta di Bellini e Bettin, poi i padovani che pagano salato il conto per l’indisciplina: l’espulsione di Sarto (5’ st) costa alla squadra di Moretti e Salvan la bellezza di 17 punti. La ciliegina sulla torta nel finale, a tempo quasi scaduto. La dea bendata offre ancora una volta la sua mano al Petrarca che, invece, butta alle ortiche un calcio piazzato, neanche troppo difficile. Ma, se l’episodio ci può stare (ndr. Menniti-Ippolito era appena subentrato a Marcato e il suo calcio, ai più, è parso dentro i pali), il Petrarca deve fare “mea culpa” per aver sprecato un vantaggio che, alla fine del primo tempo, lo vedeva avanti nello score +11 punti (18-7).
La cronaca del match registra subito un calcio piazzato di Marcato che finisce in mezzo ai pali e dà il vantaggio al Petrarca. La squadra di Moretti e Salvan ha il gioco in mano e il Marchiol Mogliano fa fatica ad uscire dalla propria metà campo. La prima azione di un certo rilievo dei trevigiani arriva, infatti, solo al 21’: bello spunto di Padovani per Fadalti che viene fermato da Jordaan dentro i 22 del Petrarca.
Mogliano resta nella metà campo avversaria e da una touche l’ex Costa Repetto trova il break giusto per bucare la difesa del Petrarca e schiacciare in meta. Le riprese video diranno poi che l’argentino è favorito nella sua azione da un “muro” di tre compagni di squadra che impediscono a Targa e Francescato di marcare il forte tallonatore avversario. Damasco è a due passi, ma assegna meta. Fadalti trasforma e Mogliano avanti 7-3.
Si riporta sotto il Petrarca grazie ad un altro piazzato che Marcato mette tra i pali al 26’: 6-7.
Giocano bene i bianconeri e fanno passare qualche guaio ai biancazzurri.
Al 31’ bella azione di Mercanti che ruba una touche a metà campo, palla per Targa, Marcato che libera Jordaan. La palla esce veloce per Mattia Bellini, che vola sulla fascia destra del campo, eludendo la guardia avversaria, e va a schiacciare in meta. A Marcato non riesce la trasformazione da posizione molto angolata, ma il Petrarca è avanti 11-7.
Al 33’ Galon rimpiazza Benvenuti, non in perfette condizioni fisiche e in precedenza anche Billot era costretto ad uscire per infortunio, rimpiazzato da Francescato.
Allo scadere è ancora il Petrarca a marcare meta con Bettin: l’azione parte dalla metà campo del Petrarca dove Middleton agguanta una palla alta e mette in moto Bellini. Grubber dell’ala bianconera per Bettin che sfrutta il rimbalzo favorevole e schiaccia la palla in meta a lato del palo di destra. Stavolta Marcato non fallisce la trasformazione e le squadre vanno al riposo sul risultato di 18-7 per il Petrarca.
Due belle mete del Petrarca che riesce a sorprendere la difesa di Mogliano.
Al rientro, tra gli ospiti Gazzola rimpiazza Fadalti, toccato duro in precedenza, e al 5’ l’episodio che ha determinato buona parte dell’esito dell’incontro. C’è una mischia ordinata nei 22 del Petrarca, con introduzione bianconera: la mischia del Petrarca gira e Damasco fischia la punizione a favore di Mogliano. Sarto era già uscito dal raggruppamento con la palla in mano e viene a contatto con Endrizzi che finisce a terra, letteralmente ribaltato. Tutto davanti gli occhi di Damasco che, grazia il nr 8 del Petrarca, dandogli “solo” cartellino giallo.
Il Petrarca resta in 14 e Mogliano ne approfitta. Al 6’, da touche nei 22 del Petrarca, un’azione multifase dei trevigiani si ferma per un “in avanti” di Bacchin a 3 metri dalla linea di meta del Petrarca.
Cambio nelle prime linee del Petrarca: al 7’ Novak e Staibano per Fazzari e Leso.
Ancora Mogliano che preme: al 10’ da ripetuta azione nei 22 del Petrarca, Bacchin riesce a sfondare il placcaggio e posare l’ovale in prossimità del palo di destra. E’ meta, che Onori trasforma facilmente per il 18-14.
All’11’ Ceglie rimpiazza Ravalle e al 13’ ancora un piazzato di Onori porta sotto i trevigiani nel punteggio: 18-17.
Al 14’ Maso rimpiazza Bocchi e al 16’ ancora meta per Mogliano: Jordaan dai propri 22 non mette fuori la palla che sta in mano a Mogliano. Nella risalita è Lazzaroni che dalla metà campo si fa beffa degli avversari e schiaccia sulla bandierina di destra. Onori trasforma e Mogliano ora è avanti: 18-24. Sono 17 i punti presi dal Petrarca in inferiorità numerica: un break di 17-0 dalla fine del primo tempo.
Il Petrarca cerca di ricostruire il gioco: l’attitudine al combattimento non manca e altrettanta è la voglia di far bene.
Al 18’ Michieletto rimpiazza Tveraga. Nel Mogliano al 21’ Candiago entra per Petillo e Ferrari per Ceccato A.
Al 22’ Bettin è messo in moto da un grubber di Favaro, sulla fascia sinistra: il rimbalzo è ancora favorevole al centro petrarchino che mette giù sulla bandierina. E’ meta che Marcato non riesce a trasformare: 23-24.
Al 24’ ancora cambi: Nostran per Sarto, Delfino per Mercanti e Gianesini per Costa Repetto.
Al 27’ una piccola azzuffatina costa il giallo salomonico a Novak e Ceglie. Il pilone del Petrarca sarà costretto a saltare il prossimo turno per squalifica automatica in seguito a somma di ammonizioni (4).
Da qui alla fine entrambe le squadre hanno la possibilità di andare avanti nel punteggio.
Prima tocca al Mogliano: Onori fallisce un calcio piazzato da circa 30 metri. Nulla di fatto.
La dea bendata tende ancora la mano al Petrarca che, nel frattempo, aveva rimpiazzato Marcato con Menniti-Ippolito.
Al 40’ Damasco concede un calcio di punizione al Petrarca dopo la ripetizione di una mischia con Mogliano che commette infrazione. Siamo circa a 30 metri dai pali, in posizione centrale. Tocca a Menniti-Ippolito, appena entrato, a cercare di trasformare la punizione. L’apertura del Petrarca calcia bene, con una parabola molto più alta dei pali. L’impressione di tutti è che il pallone entri. Tutti, meno i due giudici di linea e Damasco, ben piazzato. Le riprese video evidenziano la traiettoria del pallone che sembra passare sopra il palo di sinistra dove è piazzato un giudice di linea. Niente da fare. Le bandierine non si alzano e il Petrarca vede sfumare sul filo di lana la vittoria.
Peccato perché il sabato era stato tutto a favore del Petrarca (ma anche di Mogliano), con le contemporanee sconfitte di Cavalieri e Viadana.
Resta l’amaro in bocca perché una vittoria avrebbe allontanato il Petrarca da tutte le dirette avversarie. Così purtroppo non è stato e si dovrà continuare a lottare ancora ad ogni partita come fosse una finale.
Nel dopo gara raccolgo le impressioni a caldo dei tecnici.
Franco Properzi, head coach di Mogliano: “Abbiamo sofferto tantissimo nel primo tempo, consegnando 13 palloni in mano nostra agli avversari. La svolta è stata nel secondo tempo dopo il giallo a Sarto. Il Petrarca è una squadra molto forte e sarà dura per le prossime avversarie che dovrà affrontare. Devo ringraziare i miei ragazzi che hanno il merito di averci creduto sino alla fine”.
Corrado Covi, DS del Petrarca: “Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, ma il giallo del secondo ci ha notevolmente penalizzato. Abbiamo lasciato agli avversari 17 punti. Bravi i nostri avversari che sfruttando l’episodio a noi sfavorevole hanno saputo ribaltare le sorti della partita. Il Petrarca ha cercato di riprendersi marcando meta ma l’opportunità del calcio non sfruttata ha dato la vittoria agli avversari. Il recupero con i Cavalieri diventa assolutamente fondamentale e dobbiamo crederci”.
Andrea Moretti, allenatore del Petrarca: “La partita l’abbiamo persa concedendo 17 punti in 10 minuti di inferiorità numerica. Avevamo studiato bene la tattica di gioco, sapendo di affrontare i Campioni d’Italia. Avevamo dato importanza alla disciplina e l’abbiamo fatto per 45 minuti. Poi, dopo il sorpasso degli avversari, abbiamo cercato di creare le ocacsioni per riprendere la partita. Non siamo stati fortunati nel calcio di punizione alla fine. Il nostro destino è ancora nelle nostre mani e cercheremo di dare il massimo per raggiungere l’obiettivo play off” .
In classifica generale non cambia molto, non fosse che il Petrarca ora condivide la posizione con il Mogliano.
Il tabellino del match e la classifica aggiornata.

 Padova, Impianti Sportivi “Memo Geremia” – Domenica 13 Aprile 2014
Campionato d’Eccellenza 19^ giornata
PETRARCA PADOVA vs MARCHIOL MOGLIANO  23-24 (18-7)
Marcatori: p.t. : 1’ cp Marcato (3-0); 24’ m Costa Repetto tr Fadalti (3-7); 26’ cp Marcato (6-7); 31’ m Bellini (11-7); m Bettin tr Marcato (18-7); st. 10’ m Bacchin tr Onori (18-14); 13’ cp Onori (18-17); 16’ m Lazzaroni tr Onori (18-24); 22’ meta Bettin (23-24).  
PETRARCA PADOVA: Jordaan; Morsellino, Favaro, Bettin, Bellini (29’ st Fazzari, 39’ st Bellini); Marcato (39’ st Menniti-Ippolito), Billot (18’ pt Francescato); Sarto (24’ st Nostran), Targa (cap.), Giusti; Middleton, Tveraga (18’ st Michieletto); Leso (7’ st Staibano), Mercanti (24’ st Delfino), Fazzari (7’ st Novak).
A disposizione non entrato: Innocenti
All. Moretti/Salvan
MARCHIOL MOGLIANO : Onori; Benvenuti (33’ pt Galon), Boni (29’ st Ravalle, 39’ st Ceccato E.), Bacchin, Fadalti (1’ st Gazzola); Padovani, Endrizzi; Swanepoel, Petillo (21’ st Candiago), Barbini, Lazzaroni, Bocchi (14’ st Maso); Ravalle (11’ st Ceglie), Costa Repetto (24’ st Gianesini), Ceccato A. (21’ st Ferrari).
 A disposizione non entrati: nessuno
All. Properzi
Arbitro: Damasco (NA)
g.d.l.  Boaretto e Borsetto (RO)
quarto uomo: Pulpo (BS)
Cartellini: 5’ st giallo Sarto; 27’ st Novak, 27’ st Ceglie,
Man of the match: Enrico Bacchin (Marchiol Mogliano)
Calciatori: Marcato cp 2/2, tr 1/3; Menniti-Ippolito cp 0/1; Fadalti tr 1/1; Onori cp 1/2, tr 2/2.
Note: cielo leggermente velato, temperatura primaverile, campo in perfette condizioni, 1.350 spettatori
Punti conquistati in classifica: Petrarca Padova 1; Marchiol Mogliano 4.


Enrico DANIELE



sabato 12 aprile 2014

19° TURNO D’ECCELLENZA: DUE VITTORIE ESTERNE NEGLI ANTICIPI

Lazio stupefacente: battuto Viadana allo Zaffanella 26-30
I Cavalieri si illudono per un tempo, ma alla fine vince Rovigo 19-23



Si sono disputati nel pomeriggio di oggi i due anticipi della 19^ giornata di Eccellenza.
Nel primo incontro, iniziato alle 15:00, a sorpresa, la IMA Lazio sconfigge allo Zaffanella il Viadana Rugby 26-30.
Subito 3 mete in sequenza degli aquilotti annichiliscono Viadana (4’ Sepe, 7’ Ventricelli e 12’ Gerber) con Nathan che non sbaglia le trasformazioni e, prima dello scadere centra anche due calci piazzati per un parziale che vede soccombere i mantovani 0-27.
Incredibile solo a pensarlo, considerato che la squadra di De Angelis aveva vinto solo 3 in contri su 16 disputati.
Tuttavia Viadana, nel secondo tempo, tenta la rimonta che sembra riuscire con le mete di Pizarro, una tecnica assegnata da Vivarini (con la Lazio in doppia inferiorità numerica per i gialli contemporanei a Bruno e Riccioli) e ancora altre due con Pascu e Bigi (entrambe trasformate da Apperley). Ma un calcio di Nathan tiene il margine di vantaggio utile alla Lazio per vincere l’incontro.
Viadana in extremis conquista il doppio bonus (51 pt) e in classifica è pari al Petrarca che giocherà domani.
La Lazio si porta 10 punti da Reggio (22 pt) allungando quel che basta per non correre rischi.
Al Chersoni c’era molta attesa per l’incontro tra I Cavalieri e gli ex di Rovigo.
Parte forte la squadra toscana, nell’intento di vendicare i tradimenti di tecnici e giocatori. La squadra di Pratichetti va subito in meta al 7’ con Majstorovic, trasformata da Browne.
Rovigo si fa sotto con due calci piazzati di Bergamasco (10’, 14’). Browne trasforma un piazzato al 18’, tenendo ancora a distanza i bersaglieri. Il sorpasso di Rovigo avviene con una meta di Ferro al 24’, ma i toscani vanno al riposo in vantaggio 19-11 grazie a tre piazzati di Browne (27’, 33’ e 39).
Tuttavia, il tabellino per i Cavalieri si fermerà al primo tempo. Prima Quaglio e poi Boggiani andranno in meta nella ripresa per Rovigo (la seconda trasformata da Van Niekerk) e l’incontro si chiude sul punteggio di 19-23 per i polesani.
Un solo punto in classifica conquistato da I Cavalieri (46 pt) e 4 da Rovigo (72 pt) che va provvisoriamente in testa alla classifica.
Cavalieri a -4 dal quarto posto, occupato da Viadana, e a -5 dal Petrarca.
Gli anticipi di oggi favoriscono in qualche modo la classifica del Petrarca visto che entrambe le squadre in lotta con i bianconeri per un posto nei play off hanno perso.
Domani lo scontro diretto contro Mogliano che definirà in maniera più precisa la classifica.


Enrico DANIELE

giovedì 10 aprile 2014

19° TURNO D’ECCELLENZA: LE DESIGNAZIONI ARBITRALI

Due anticipi e tre posticipi
Scontro diretto tra Petrarca e Mogliano

Tra sabato e domenica la 19^ giornata del Campionato d’Eccellenza.
Di interessante sicuramente la lotta per i play off che vede 4 squadre alla ricerca dei due posti disponibili, considerando Rovigo e Calvisano già qualificate per le semifinali.
Viadana partirà per prima (ore 15:00) contro la IMA Lazio, seguita dai Cavalieri contro Rovigo, alle 16:00. Domenica Petrarca vs Mogliano alle 16:00.
Gli altri incontri alle 15:00 UR Capitolina contro Calvisano e alle 17:30 M-Three San Donà vs Fiamme Oro (differita su Rai Sport 1 alle 20:00.

Sabato 12 aprile ore 15:00
Stadio Zaffanella - Viadana
VIADANA RUGBY vs IMA LAZIO RUGBY 1927
Ancora virtualmente nei play off con 49 punti, Viadana deve guardarsi le spalle da Mogliano (48) e Prato (45) che deve ancora recuperare una partita.
La squadra di Phillips è reduce dalla partita vinta contro le Fiamme Oro in trasferta e la vittoria sembra aver ricompattato uno spogliatoio in subbuglio. Le voci di corridoio parlano di una squadra in disarmo, ma i giocatori sono professionisti seri e vorranno onorare al meglio il loro impegno, cercando di conquistare un posto nelle semifinali.
La Lazio ha sempre il fiato sul collo di una Rugby Reggio (ndr. osserva il turno di riposo) che ha “rischiato” di battere Rovigo in casa, la scorsa settimana, e anche un solo punto di bonus potrebbe farle comodo.
Sarà il sig. Vivarini di Padova a fischiare le sorti dell’incontro.

ore 16:00
Stadio E. Chersoni – Iolo (PO)
I CAVALIERI ESTRA vs VEA FEMI CZ ROVIGO
Se i bersaglieri sono già praticamente in semifinale, lo stesso non si può dire dei toscani che, dovendo anche recuperare uno scontro diretto (ndr col Petrarca il 19 aprile), sono attardati in classifica rispetto alle altre tre contendenti.
L’incontro si preannuncia caldissimo, vuoi per le questioni di classifica della squadra di Pratichetti, vuoi per questioni di gioco della squadra di De Rossi e Frati, che sabato scorso ha rischiato di rimanere imbrigliata nella rete tesa dai diavoli rossoneri di Reggio. Ma la vera battaglia comincerà prima dell’inizio dell’incontro: la piazza di Prato non ha mai ben digerito l’uscita dei suoi ex tecnici e di quasi tutta la squadra verso Rovigo e il clima non sarà tra i più sereni. Si prevede che l’accoglienza, pur nel rispetto delle parti, non sarà tra le più amichevoli.
Il difficile compito di tenere le redini dell’incontro sarà affidato al sig. Blessano di Treviso.

Domenica 13 aprile ore 15:00
Campo dell’Unione - Roma
UR CAPITOLINA vs CAMMI CALVISANO
Dopo la pesante sconfitta subita ad opera del Petrarca nell’ultima di campionato, alla UR Capitolina tocca la prima in classifica. Quel Cammi Calvisano che non fa sconti a nessuno e che ha tutta l’intenzione di mantenere la prima posizione in classifica da qui alla fine.
Sono effettivamente poche, se non nulle, le speranze della squadra di coach Cococcetta di fare risultato utile, praticamente già condannata alla retrocessione.
In campo una quaterna tutta romana, comandata dal direttore di gara, il sig. Meconi di Roma.

Ore 16:00
Impianto Sportivi Memo Geremia - Padova
PETRARCA PADOVA vs MARCHIOL MOGLIANO
Inizialmente data per sabato, la gara del “Memo Geremia” è stata posticipata a domenica.
Misteri della FIR o accordi fra le società? Non ci è dato a sapere.
Fatto sta che, chi voleva approfittare di una domenica al mare, sarà “costretto” a venire alla Guizza.
E’ lo scontro diretto più interessante quello che vedrà di fronte i Campioni d’Italia in carica e il Petrarca.
Trend assolutamente positivo per la squadra di Moretti e Salvan (6 turni consecutivi vinti) anche se, Viadana a parte, con squadre posizionate dietro in classifica. Il Petrarca ha recuperato ben tre posizioni in classifica ed ora, con una partita da recuperare, ma con anche lo “stop forzato” da osservare, si trova al 3° posto. Una posizione che non può, comunque, renderla tranquilla, specie perché il turno più facile sembra quello di Viadana, che sta dietro ai bianconeri di soli 2 punti.
Non ci sono alternative, quindi, se non la vittoria contro una diretta rivale.
Dal canto loro i trevigiani, con l’assetto tecnico leggermente modificato ed il presidente Facchini di nuovo in sella al posto di comando, non possono perdere il trenino play off (ndr sono dietro di un solo punto al Viadana). L’anno scorso si giocò alla Guizza all’ultima di campionato, con Mogliano già matematicamente qualificata alle semifinali e col Petrarca fuori dai giochi (ndr. vinsero i bianconeri 36-3), ma domenica sarà tutta un’altra storia.
L’importanza del match si vede anche dalle designazioni del C.N.Ar. A dirigere l’incontro, per la quinta volta in questa stagione, è stato designato l’internazionale sig. Damasco di Napoli: una garanzia.


ore 17:30
Stadio Pacifici- San Donà di Piave
M-THREE SAN DONA’ vs FIAMME ORO
Chiude il tabellone della 19^ giornata, all’insolito orari delle 17:30 e trasmessa in differita su Rai Sport 1 alle 20:00, lo scontro fra l’M-Three San Donà e le Fiame Oro.
Due anni fa era una partita di Serie A poi, dopo lo spareggio vinto dai veneziani ed il ripescaggio dei cremisi, è diventata una gara interessante per il campionato d’Eccellenza.
Entrambe al riparo da imprevisti, le due squadre si affrontano in una sorta di gara personale.
All’andata fini 33-25 per i poliziotti. Domenica vedremo se San Donà pareggerà il conto, nell’ultima partita di fronte al proprio pubblico (ndr. poi giocheranno  nel derby day del Plebiscito il 3 maggio).
E’ prevista una grande festa allo Stadio Pacifici con dj set targato Radio Bellla & Monella (www.belllaemonella.it) che animerà il pomeriggio pre-partita e proseguirà nel Terzo Tempo con uno spritz hour fino a tardi assieme ai giocatori di M-Three San Donà e a tutti i protagonisti dell’intera stagione rugbistica. Sarà anche un evento all’insegna della solidarietà, perché nel corso della partita verrà presentata la nuova campagna di sensibilizzazione alla donazione di sangue realizzata da Ulss10 e Avis San Donà, “DONIAMOCI” che vede come testimonial proprio il Rugby San Donà e i ragazzi della prima squadra, che in questi giorni hanno donato il sangue rendendosi protagonisti in prima linea anche sul fronte della solidarietà.
Sarà il sig. Falzone di Padova a dirigere l’incontro

Riposa la Rugby Reggio


Enrico DANIELE


mercoledì 9 aprile 2014

PMC014 WE: ON LINE IL VIDEO DELLA SERATA FINALE

A cura di Giorgio Betteto.

Il Petrarca Music Contest 014 Winter Edition si è concluso giovedì scorso con la proclamazione dei vincitori, gli Abla Meltemi, il gruppo bellunese con radici a Padova che ha impressionato il pubblico e la giuria tecnica per la qualità della loro esibizione, fatta di brani reinterpretati ma, soprattutto, di brani propri, inediti.
Questa settimana resteremo orfani della manifestazione. Tuttavia, grazie all’amico Giorgio Betteto, abbiamo la possibilità di rivedere la serata finale (Jam Session) dove sul palco della Club House del Petrarca sono saliti quasi tutti i gruppi che si sono alternati nelle 8 serate del PMC 014 WE.
Così come è possibile rivedere tutte le 8 serate nel canale You Tube “Petrarca Events”.
Grazie a Giorgio per aver curato le riprese e montato le immagini e arrivederci al prossimo evento musicale.


Enrico DANIELE

Abla Meltemi, vincitori del PMC 014 WE

Giorgio Betteto, curatore riprese e montaggi video del PMC 014 WE

martedì 8 aprile 2014

UNDER 18 ELITE: PETRARCA RUGBY - VENEZIA MESTRE 20-0 a tavolino (55-5 al 25’ s.t.)

Vittoria inutile, purtroppo.
Passa alla fase nazionale la Benetton Treviso

L’Under 18 del Petrarca vince col bonus contro il fanalino di coda del girone, il Venezia Mestre, ma la contemporanea vittoria della Benetton nel derby trevigiano con la Tarvisium sbarra la strada alla qualificazione alle fasi nazionali.
Una partita su cui non c’è molto da dire, bonus assicurato già dopo 20 minuti di gioco, con le mete di Matteraglia al 1’ minuto (trasformata da Trambaiolo), Simonato al 3’, Di Bartolomeo al 9’ (trasformata da Trambaiolo) e Zago al 17’ (trasformata da Trambaiolo). La differenza tecnica tra le due squadre è palese e, nonostante i tentativi offensivi degli ospiti, i tuttineri riescono a respingere gli avversari senza mostrarsi mai veramente in difficoltà. Tra errori e rallentamenti del gioco, il primo tempo si chiude sul punteggio di 31-0 a favore dei padroni di casa, grazie alla meta di Navarra al 32’ minuto.
La seconda frazione viaggia sui binari dei primi 35 minuti, il Petrarca va in meta altre tre volte, con Casalini al 2’ minuto, Simonato al 6’ (trasformata da Meneghetti) e Sandi al 14’.
Un calo di concentrazione difensiva porta, al 18’ minuto, a una meta anche per gli ospiti, non trasformata. Quattro minuti dopo, è ancora Matteraglia a marcare meta, trasformata da Meneghetti.
Al 25’ minuto, sul punteggio di 55-5, l’infortunio di un giocatore del Venezia Mestre, rimasto senza il numero legale di giocatori, costringe l’arbitro a fischiare la fine del match.
Vittoria a tavolino per il Petrarca, ma, purtroppo, le notizie giunte da Treviso si rivelano infauste per i giocatori, che, pur nella vittoria, si vedono privati di un sogno durato fino all’ultimo.
L’Under 18 esce comunque a testa alta, avendo dimostrato di essere un grande gruppo, lottato sino all’ultimo pallone per dimostrare il proprio valore e di poter andare lontano, onore a tutta la squadra e a chi l’ha seguita, partita dopo partita.
FORZA PETRARCA. SEMPRE!

La formazione del Petrarca: Matteraglia, Sandi, Matteralìa, Casalini, Navarra, Trambaiolo, Cortellazzo, Zago, Negrin, Simonato, Zuin, Sattin, Mantovani, Arena, Di Bartolomeo. In panchina: Novello, Putoto, Fincato, Cerutti, Fiorita, Calzavara, Meneghetti.


Alberto Mantovani

domenica 6 aprile 2014

18° TURNO D’ ECCELLENZA: IL POSTICIPO AL MOGLIANO

I trevigiani restano agganciati al treno play off.


Col posticipo di oggi dove al Quaggia il Marchiol Mogliano sconfigge 37-20 la IMA Lazio Rugby 1927, si chiude il calendario degli incontri dalle 18^ giornata del campionato d’Eccellenza.
I Campioni d’Italia vanno in meta 5 volte contro le 3 dei romani e conquistano il punto di bonus che li tiene agganciati al treno dei play off, comandato dal Petrarca con 51 punti, seguita da Viadana con 49 punti, Mogliano 48 e Cavalieri 45 (Petrarca e Cavalieri un incontro da recuperare).
Un turno che ha visto la vice capolista Rovigo messa in difficoltà da un ottimo Reggio, capace anche di chiudere il vantaggio la prima frazione di gioco (19-21); Viadana che riesce a vincere sul difficile campo sintetico delle Fiamme Oro (24-31); Calvisano che batte perentoriamente I Cavalieri (52-7) relegando i toscani all’ultimo posto del quartetto in corsa play off e confermando una supremazia in campionato che non teme rivali; turno che decreta, molto probabilmente, la resa delle armi dell’UR Capitolina, sconfitta in casa dal Petrarca 0-71, destinata quasi certamente alla retrocessione.
Con Calvisano e Rovigo che ormai fanno corsa a se, dietro le quattro sono racchiuse in una manciata di punti (6) con i Cavalieri che devono recuperare la partita con il Petrarca. I bianconeri, tra le 4, è l’unica a dover ancora effettuare il turno di riposo. Per la squadra di Moretti e Salvan con una vittoria contro Mogliano, sabato venturo alla Guizza e con I Cavalieri, sempre alla Guizza nella vigilia di Pasqua, vorrebbe dire avere già un piede nei play off.
Molto dipenderà anche dagli ultimi tre turni di campionato dove ci saranno ben due scontri diretti: Viadana vs Cavalieri alla 21esima e Mogliano vs Viadana alla 22esima.
E’ difficile fare calcoli, ora, ma le ipotesi sì, visti anche gli andamenti delle ultime 6 gare di campionato.
Il Petrarca ha totalizzato 6 vittorie con 28 punti conquistati su 30 disponibili; Viadana 4 vittorie e 2 sconfitte con 20 punti conquistati; Mogliano 3 vittorie e 3 sconfitte con 16 punti conquistati su 30 disponibili; I Cavalieri Estra 4 vittorie, 2 sconfitte e 18 punti conquistati.
Un trend che vede in testa proprio il Petrarca che ha battuto una diretta concorrente (il Viadana allo Zaffanella) e che deve incontrarne altre due tra le mura di casa.
La classifica generale aggiornata alla 18^ giornata.


Enrico DANIELE




sabato 5 aprile 2014

18° TURNO D’ ECCELLENZA: RISULTATI ANTICIPI

Mete come grandine a Roma.
Il Petrarca strapazza l’UR Capitolina 71-0 e mantiene la terza posizione in classifica.
Al Battaglini Reggio mette paura a Rovigo e fa il bonus.
Inarrestabile il Cammi Calvisano che ferma i Cavalieri.
Le Fiamme Oro cadono in casa contro Viadana.

Chiusi gli anticipi del 18° turno del Campionato d’Eccellenza.
Mete come grandine al Campo dell’Unione dove il Petrarca ne fa 11 lasciando a zero la UR Capitolina, ormai virtualmente retrocessa.
Clamoroso al Battaglini dove Reggio, penultima in classifica, mette paura alla Ve Femi CZ Rovigo che riesce a spuntarla sul finale con Reggio in inferiorità numerica.
Inarrestabile il cammino della capolista che chiude la pratica Cavalieri con 8 mete a 1.
Le Fiamme Oro si spengono nel finale contro Viadana che vince sul difficile campo di Ponte Galeria e restano in corsa per un posto nei play off.
Domani il posticipo tra Marchiol Mogliano e la IMA Lazio Rugby 1947.


Poco da dire dell’incontro del Petrarca al Campo dell’Unione: praticamente incontro a senso unico con la squadra di Moretti e Salvan intenta a guadagnare il prima possibile il bonus d’attacco.
Già al 5’ del primo tempo in meta con Staibano e Marcato trasforma (0-7).
Quattro minuti più tardi ed è Bellini a marcare la seconda meta, al rientro in prima squadra dopo lungo infortunio. Marcato trasforma ed il Petrarca è avanti 0-14.
Al 12’ tocca a Chillon, anche lui al rientro dal primo minuto dopo lunga assenza: meta e trasformazione di Marcato (0-21).
La meta del bonus la marca Morsellino al 13’ (0-26) e si ripete poco dopo, al 15’ con Marcato che trasforma (0-33).
Prima della chiusura del primo tempo ancora Staibano in meta al 23’. Marcato fallisce la trasformazione: 0-38.
Urchini in inferiorità numerica per il cartellino giallo a Recchi al 32’: ingresso laterale.
Chiude la prima frazione di gioco la meta di Zago, trasformata da Marcato: 0-45.
Nella ripresa al 3’ meta di Francescato, trasforma Marcato: 0-52.
Meta anche per il capitano Enrico Targa al 18’ che Marcato trasforma: 0-59.
Le ultime due mete sono di due giovani che giocano insieme praticamente da sempre: al 27’ meta di Ragazzi e al 72’ meta di Bellini che trasforma per il finale di 0-71.
Bene Marcato dalla piazzola (7/10 trasformazioni) e Zago, “man of the match” a fine gara.
Il Petrarca riscatta la brutta partita dell’andata, dove alla Guizza aveva anche rischiato di perdere, e terzo posto assicurato con 51 punti.
Ad incalzare la posizione dei bianconeri il Viadana (49 pt) che riesce a ribaltare l’iniziale svantaggio ed a sconfiggere con bonus d’attacco le Fiamme Oro.
Sono invece 6 le lunghezze che separano il Petrarca da I Cavalieri Estra (45 pt), sconfitti nettamente al peroni Stadium dal Cammi Calvisano. Il Petrarca dovrà recuperare l’incontro con i toscani alla vigilia di Pasqua con l’obiettivo di sconfiggerli per mantenersi in corsa play off.
Ininfluente per il Petrarca l’eventuale vittoria di domani del Marchiol Mogliano, che è dietro di 7 punti e dovrà venire alla Guizza sabato prossimo.
Il Petrarca allunga la striscia positiva di vittorie (sono ben 6 consecutive), prima della disputa delle ultime 4 gare (4 finali, se vogliamo) nell’ordine contro Mogliano, Cavalieri, Rovigo e Calvisano (quest’ultima unica trasferta). Probabilmente non basteranno 2 vittorie su 4, motivo per cui il sarà importantissimo il derby day del 3 maggio prossimo al Plebiscito.
Il tabellino del match.
Roma, “Campo dell’Unione” – Sabato 5 aprile ore 15:00
Unione Rugby Capitolina vs. Petrarca Padova 0-71 (p.t. 0-45)
Marcatori: 5’ meta Staibano tr Marcato, 9’meta Bellini tr Marcato, 12’ meta Chillon tr Marcato, 13’ meta Morsellino, 15’ meta Morsellino tr Marcato, 23 meta Staibano,36’ meta Zago tr Marcato, 43’ Francescato tr Marcato, 58’ Targa tr Marcato, 67’ meta Ragazzi, 72’ meta Bellini tr Bellini. 
Unione Rugby Capitolina: Rebecchini Gr. (60’ Marrucci), Iacolucci, Recchi, Giacometti (69’ Diana), Mascagni (62’ Del Monaco), Buscema, Molaioli, Conti, De Michelis (cap) (41’ Paillette), Bitetti, Lupi (62’ Martire), Scoccini, Forgini (69’ Bitonte), Polioni (62’ Marsella), Moriconi.
Non entrato: Bianchi.
All. Cococcetta-Caffaratti
Petrarca Padova: Cerioni, Morsellino, Chillon, Bettin (60’ Favaro), Bellini, Marcato, Francescato, Zago, Nostran, Targa (cap), Mainardi, Michieletto (54’ Middleton), Staibano, Delfino (45’ Ragazzi), Novak (60’ Caporello).
Non entrati: Leso, Giusti, Billot, Jordaan
All. Moretti-Salvan
Arbitro: Roscini (Milano)
G.d.L.: Schifani (Catania), Casciello (Benevento)
Quarto uomo: Pier’Antoni (Roma)
Cartellini: giallo: 32’ Recchi per entrata laterale
Man of the match: Zago (Petrarca Padova)
Calciatori: Petrarca: Marcato tr 7/10; Bellini tr 1/1.
 Note: 1000 spettatori, nuvoloso con schiarite, campo in condizioni ideali. Durante l’intervallo estrazione Lotteria ONLUS CAPITOLINA
 Punti conquistati in classifica: Unione Rugby Capitolina 0 Petrarca 5


Enrico DANIELE